Corriere – Gattuso Napoli ci siamo. Ringhio preferito ad Allegri e Spalletti per due ragioni. I dettagli

napoli gattuso

Ancelotti saluta Napoli, arriva Gattuso. Ringhio preferito ad Allegri e Spalletti per ragioni tattiche e per la fama di duro Non farà il “traghettatore”

Rino Gattuso e Carlo Ancelotti, sono legati da stima e amicizia nata durante i gloriosi anni comuni nel Milan. Ringhio era il primo combattente in campo agli ordini dell’allenatore che adesso sta per sostituire al Napoli.

Per Gennaro Gattuso, il Napoli è il giusto premio dopo la sofferenza dell’addio al Milan. Secondo l’edizione odierna del Corriere Dello sport, De Laurentiis e Gattuso si sono incontrati a Roma, nella sede della filmAuro. Il patron dopo il pareggio di Udine ha dato una forte accelerata alla trattativa.

NAPOLI, ARRIVA GATTUSO

Gattuso si legherà al Napoli per 18 mesi, dopo che Jorge Mendes, vicinissimo al tecnico calabrese ha negato qualsiasi possibilità «semestrale».

Gattuso è la nuova scommessa del Napoli. Aurelio De Laurentiis ha smesso di telefonare, ha archiviato le chiacchierate con Allegri e con Spalletti, ed ha virato, su Rino Gattuso.

Il patron lo ha scelto per due motivi: la tendenza al 4-3-3, la fama del «duro».  Il presidente è convinto che ringhio sia l’uomo giusto per dare la scossa ad una squadra abulica e rivoltosa.

Il Napoli per l’ex centrocampista del Milan,  rappresenta l’occasione della vita, per questo motivo ha rifiutato la fiorentina di Comisso. Prima dei viola lo volevano Sampdoria e Genoa, ma Ringhio aveva ben altre ambizioni.

Toccherà a Gattuso risollevare il Napoli e raccogliere il testimone da Ancelotti, che gli lascerà quasi sicuramente in dote la qualificazione per gli ottavi della Champions.

La staffetta tra i due tecnici, che sono tra l’altro molto amici fra loro, è l’estrema mossa della società per uscire da una crisi diventata insostenibile.

Solo l’ex leader calmo ci credeva ancora. Invece tutto è già stato deciso e il vertice tra Ancelotti e De Laurentiis a Roma servirà solo per concordare nei limiti del possibile le modalità dell’addio.

I NUMERI DI GATTUSO

Rino Gattuso potrebbe sedere sulla panchina del Napoli, il tecnico calabrese prenderà il posto del suo maestro Ancelotti. La storia di Carletto a Napoli cominciava con un incontro tra il tecnico e De Laurentiis, il 22 maggio 2018, in cui il presidente
rompeva gli indugi, mollava Sarri e definiva l’intesa con Carlo. Nell’ultimo mese e mezzo bruciato il rapporto tra l’attuale tecnico, la società, la squadra. Inevitabile il cambio di panchina.

200 le panchine di Gattuso.  Rino Gattuso ha cominciato ad allenare nel 2013: il suo ruolino è di 78 vittorie, 64 pareggi e 58 sconfitte, con una percentuale di vittorie del 39%.

10 trofei da giocatore Rino Gattuso non ha ancora vinto un trofeo in panchina, dopo una carriera in campo ricca di successi con il Milan (10 trofei] più il Mondiale 2006 con l’Italia