LDT. L’attacco al Napoli avviene sempre dall’interno. Avete visto Oppini e Chirico?

Napoli attaccato dall'interno. Avete visto Oppini e Chirico?

Riceviamo e pubblichiamo lo sfogo di un tifoso del Napoli che ha analizzato il comportamento di alcuni giornalisti napoletani nei confronti della squadra azzurra.

(Lettera del tifoso). Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Alberto P. tifoso del Napoli, molto critico nei confronti di alcuni esponenti della stampa napoletana, rei di criticare gli azzurri invece di sostenerli e difenderli:

“Gentile redazione di Napolipiu.com, perdonate il mio sfogo, ma Siamo ridotti male. Abbiamo una squadra di calcio internazionale,  ma abbiamo  una parte dell’informazione giornalistica che sfigurerebbe persino nel campionato interregionale.

Io ho i capelli bianchi è questa storia la conosco a memoria.

Siamo una colonia e come nella politica ci dominano anche in tutti gli altri aspetti sociali ed economici.

E’ una storia vecchia che per il Sud è iniziata oltre 150 anni fa. Appena ci vedono ai vertici ci attaccano ed i peggiori “nemici” li abbiamo in casa nostra. L’attacco a questo Napoli stellare avviene sempre dall’interno.

Cambiano i nomi ma la storia è sempre identica, come nella politica così nello sport. Con un’informazione all’altezza il Napoli avrebbe oltre una decina di tricolori nella sua bacheca.

Il grande Napoli di Jeppson era bersagliato dai cronisti napoletani. Negli Anni ’70 la storia si è ripetuta con il Napoli di Chiappella e Vinicio. Ad inizio Anni ’80 anche il Napoli di Marchesi fu abbandonato dai media nostrani.

Nell’era di Maradona Il Mattino di Napoli dedicava giornaliere pagine destabilizzanti sull’ambiente partenopeo e Canale 34 (Number One) faceva a gara con la TV di Stato ed il Processo su chi la dicesse più grossa sul Napoli e i calciatori azzurri.

Siamo peggio di una colonia ed è inconcepibile che i tifosi si facciano confondere le idee da certi personaggi che affollano incredibilmente le Tv locali.

Persino con Sarri e lo scudetto scippato hanno attaccato il Napoli di De Laurentiis. A Milano i media milanesi mandarono a casa il designatore Baldas dopo lo scudetto scippato all’Inter di Ronaldo.

Quest’anno hanno iniziato alla grande. Già alla prima giornata invece di esaltare la bella vittoria di Firenze, i buontemponi della nostra informazione hanno fatto subito sapere che Il rigore subito dal Napoli era sacrosanto e che Mertens era un simulatore.

Pensate ad immaginare in una TV di Torino Oppini o Chirico affermare che Ronaldo si è tuffato in Juventus – Genoa. Pensate che in una TV di Torino Oppini o Chirico dicano che uno dei tanti mani di De Ligth è rigore?

Qua da noi pur di destabilizzare una squadra stellare (mai vista in 100 anni di storia), non solo fanno sapere che il mani di Zielinski è rigore netto. Gli stessi buontemponi della nostra informazione fanno anche sapere che Orsato (Juventus – Napoli) e Calvarese (Napoli – Genoa) hanno arbitrato bene.

Pensate veramente che in una TV di Torino Oppini o Chirico sarebbero di nuovo invitati dopo aver detto simili corbellerie? Un Napoli penalizzato dagli arbitri e deriso dai media italici, compresi i nostrani, è sempre da solo contro tutto e tutti”.