Coronavirus NapoliSocialVideo

Napoli, l’appello dell’Infermiere contagiato dal Coronavirus: “Senza collaborazione dovremmo scegliere chi salvare”

Coronavirus, l’infermiere contagiato a Napoli lancia l’allarme: “Senza collaborazione dovremmo scegliere chi salvare. Scarseggiano i DPI. Sono l’unica cosa che ci divide dal virus”.
[wp_ad_camp_1]

Napoli, arriva la  testimonianza dell’infermiere contagiato dal Coronavirus. Il 28enne Daniele, originario di Teverola, che lavora presso l’Azienda Ospedaliera dei Colli di Napoli ha lanciato un appello a tutta la cittadinanza.
26 marzo 2020

L’appello è di Daniele, infermiere di 28 anni, originario di Teverola, che lavora presso l’Azienda Ospedaliera dei Colli di Napoli e che ha contratto il Covid-19 dopo essere entrato in contatto con alcuni pazienti positivi: “Se non c’è collaborazione presto saremo costretti a decidere chi salvare“.
L’infermiere contagiato dal coronavirus a Napoli,  ha poi descritto le condizioni di lavoro estreme in cui lui e i suoi colleghi lavorano: “Scarseggiano i dispositivi di protezione individuale, guanti, mascherine, visiere che fondamentalmente sono l’unica cosa che ci divide dal virus”.
[wp_ad_camp_3]

Dopo le accuse del governatore della Campania, Vincenzo De Luca,  finalmente sono arrivati i “caschi” per supporto CPap e i ventilatori. A questo punto i presidi per i pazienti sono disponibili.
Ancora mancano i dispositivi di protezione individuale e un numero infermieri idoneo a far partire la Palazzina M del Cardarelli.
Intanto la Germania ha dato la disponibilità a inviare in Campania un supporto con un team sanitario.

https://www.facebook.com/Napolicultura/videos/655619251893705/

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.