Montervino: “Momento difficile colpa di tutti. I furti non sono ritorsioni”

Montervino ammutinamento napoli

Francesco Montervino, ex calciatore del Napoli è intervenuto ai microfoni di Radio Goal, per parlare dell’attuale momento del Napoli. Della questione furti e ammutinamento. 

Montervino è sicuro: “I delinquenti sono dovunque, non credo che gli episodio di cronaca siano frutto di ritorsioni”, mentre sulla questione ammutinamento aggiunge: “La colpa è di tutti, ma i calciatori non si sono comportati da professionisti”.

Furti e ammutinamento

Gli episodi di cronaca di questi giorni con l’effrazione a casa di Allan ed i danni all’auto della moglie di Zielinski, hanno portato il Napoli in un ciclone mediatico. Si parla di mogli in fuga che cercano riparo e si affidano a sorveglianza privata. In questo senso Montervino a Radio Goal dice: “I delinquenti sono dovunque, non credo che gli episodi di cronaca siano da attribuire ad una rivalsa contro i calciatori del Napoli per il momento buio che stanno attraversando. In questo modo si va ad infangare il buon nome di tanti napoletani onesti“.
Con Montervino si parla anche della questione ammutinamento post Salisburgo, ovvero l’episodio che ha accentuato malumori e reazioni da parte della società e tifosi. “Io credo che in questo caso la colpa sia di tutti. Forse qualcuno ha sbagliato più degli altri, ad esempio i calciatori che hanno rifiutato il ritiro, ma – aggiunge l’ex capitano del Napoli – da ex collega mi sono immedesimato nelle loro teste e nei loro cuori e penso che deve essere accaduto qualcosa per portarli a quel gesto. Certo loro da professionisti hanno sbagliato, ma le colpe sono un po’ di tutti, anche della società che non è riuscita ed evitare che esplodesse il caso“.

Cambio modulo

Da giorni si parla di un possibile cambio modulo per Carlo Ancelotti, con la necessità di inserire un centrocampista in più con ritorno al 4-3-3. Il tecnico del Napoli sembra però orientato a tentare di nuovo con il 4-4-2, ma il cambio secondo Montervino potrebbe avvenire negli uomini: “Anche attraverso l’inserimento di calciatori con caratteristiche diverse si può cambiare la tattica di una squadra. Una cosa è avere a centrocampo tutti calciatori tecnici come Fabian Ruiz, Zielinski e Insigne, un’altra è avere in mediana più calciatori con le caratteristiche di Allan“.