ULTIME NOTIZIE SU NAPOLI

GAZZETTA. Il Napoli ha preso una decisione su Fabian Ruiz. Barça e Real Madrid beffate

Napoli, Fabian Ruiz rinnova. Barça e Real Madrid beffate

Il Napoli frena la cessione di Fabian Ruiz. De Laurentiis tratta il rinnovo fino al 2025.  Barça e Real Madrid beffate?

Fabian Ruiz, 72 presenze con  la maglia del Napoli, in queste prime due stagioni, 10  gol realizzati è uno dei pezzi pregiati della squadra di Gattuso.

Il futuro del centrocampista andaluso sembrava diviso tra Barça e Real Madrid, ma in queste ultime ore lo scenario sembra completamente cambiato, come ha spiegato l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport:

Da alcuni mesi l’attenzione su Fabian Ruiz s’è fatta pressante, Barcellona e Real Madrid hanno fatto sapere al Napoli di essere pronti a trattare, ma di considerare eccessiva la richiesta di 80 milioni. Una cifra che non è mai stata confermata dal club napoletano, anche perché la dirigenza non pare intenzionata a privarsi del giocatore.
 Gattuso ha saputo recuperarlo sul piano fisico e mentale, tanto da restituirgli quell’importanza che il rendimento d’inizio stagione gli aveva in qualche modo negato. Da qui, la svolta, la convinzione che delle qualità di questo ragazzo di appena 24 anni, non se ne sarebbe potuto fare a meno per il futuro”.

 FABIAN RUIZ RINNOVA

Non ha dovuto insistere, il tecnico, per convincere il presidente. Proprio De Laurentiis è uno dei maggiori estimatori di questo giovane talento che ha saputo incantare San Siro nella notte della semifinale d’andata di coppa Italia, giocata contro l’Inter, realizzando il gol del successo napoletano.
Il patron ha proposto i manager di Fabian il prolungamento del contratto fino al 2025 con un robusto aumento dello stipendio annuale. Fabian Ruiz s’è preso del tempo anche perché l’adeguamento economico sarebbe condizionato all’inserimento di una clausola superiore ai 100 milioni di euro nel nuovo accordo. Il Napoli non ha fretta, De Laurentiis ha già tolto il giocatore dal mercato delle chiacchiere, facendo sapere agli interessati che, almeno per quest’anno, non se ne parla proprio”.

Archivi