Calcio NapoliSocial
News di tenedenza

Il famoso stile Juve: Spocchiosi nella vittoria, rosiconi nella sconfitta.

Lo stile Juve è un fake, Allegri è un provocatore "professionista". Bianconeri, spocchiosi nella vittoria, rosiconi nella sconfitta.

Lo stile Juve è una balla inventata da qualche giornalista. Ha sbagliato in modo sguaiato Allegri ad attaccare Luciano Spalletti. Quelle parole non sarebbero mai state pronunciate da Gianni e Umberto Agnelli, ma quella era un’altra epoca, un’altra storia ormai finita.

La pagina social il Napulegno scrive del famoso “stile Juve“. Lo stile, in quanto eleganza del dire e del fare, apparteneva ai due Agnelli, Gianni e Umberto, il resto era ed è stato esattamente l’opposto. Era stile quello di Boniperti avvelenato contro tutti? Quello di Montezemolo furibondo dopo le sconfitte? Era stile quello di Moggi? È stile quello di Allegri, che attacca platealmente Spalletti? Dunque il comportamento dei dirigenti e dipendenti, calciatori e allenatore, non ha avuto e non ha nulla a che fare con il contegno dei due fondatori e costruttori della Juventus.

LO STILE JUVE: ESISTE?

Le statistiche del big match tra Napoli e Juve ci dicono: 70% azzurri e 30% bianconeri per il possesso palla. 24 tiri in porta a 7. 11 calci d’angolo a 3, tutto a favore degli azzurri.

Ma Allegri parla di partita sfortunata e di risultato determinato da propri errori, come se il gol del momentaneo vantaggio bianconero fosse frutto di una strabiliante azione da manuale del calcio e non un regalo di Manolas.

Non contento, nei corridoi degli spogliatoi, il tecnico bianconero aggredisce il collega Spalletti che gli era andato incontro a salutarlo perché reo, a suo dire, di aver protestato troppo con l’arbitro Irrati, che qualche favore ai bianconeri pure lo ha fatto. Niente di nuovo, è solo il famoso stile Juventus che mai si smentisce: spocchiosi nella vittoria, rosiconi nella sconfitta.

Nervosetto Max Allegri? Non sarà perché stavolta l’aiutino arbitrale non è arrivato? E dire che sono stato anche sul punto di complimentarmi con l’allenatore bianconero per le dichiarazioni del pre-partita. “Non bisogna cercare l’alibi delle assenze, la Juve ha una rosa ampia e qualitativa e sarà comunque in grado di schierare una formazione competitiva”, così aveva parlato Max. Ma poi, persa la partita, l’atteggiamento è cambiato.

stile juve
Allegri e Spalletti durante Napoli-Juve

LA RISPOSTA DI NAPOLI

Allo stile Juve risponde un colossale Spalletti nel dopo partita, e non si può non essere d’accordo con lui.:   “Prendiamoci il buono e miglioriamo

Il Napoli ha dimostrato tante cose buone nella partita: mentalità e coesione, panchina lunga in attacco, un nuovo mediano di ottimo livello, una guida tecnica eccellente, la chiara riconoscibilità di due leader, Insigne e Koulibaly, che sono nella piena maturità e conoscono ormai la differenza tra vincere e partecipare.
Il capitano non era certo in grande spolvero, ma il suo ruolo di leader è evidentissimo, così come quella di un Kalidou, che è in un momento di forma straripante.
La partita ha però anche chiarito, come le due precedenti, dove occorre migliorare.
Gli errori tecnici di diversi giocatori, oltre a quello sciagurato di Manolas, potevano costarci carissimo. Il giro palla lento del primo tempo, la tendenza ad allungarsi troppo nei momenti di pressione avversaria e l’atavica difficoltà sui cambi gioco sono i problemi di fondo sui quali Spalletti dovrà continuare a lavorare. E a questo bisogna aggiungere la coperta corta in difesa, in caso di assenza dei titolari”.

LIBERI DI TIFARE

“Non abbiamo pagato dazio anche perché la Juve è stata forse la peggiore degli ultimi trent’anni, ma in ogni caso la vittoria è stata meritata e importante.
Per il Napoli è sempre stato difficile cogliere l’opportunità di approfittare delle difficoltà bianconere. Napoli Verona, un regalo da 70 milioni ad Agnelli, ne è forse l’esempio più clamoroso. Possiamo sperare che ieri la squadra abbia cominciato a risanare quella ferita.
Quello che la squadra non può fare, restituire il nostro tifo leggendario allo stadio, tocca invece alla società e alle istituzioni. Lasciateci liberi di tifare. Ha concluso il Napulegno sullo stile Juve.
LEGGI ANCHE

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.