Coronavirus Napoli

Il Coronavirus fa crollare dell’80% rapine, estorsioni e furti. Scoperta piazza di spaccio su Telegram

Il Coronavirus ferma rapine, estorsioni e furti. Ferme anche le attività delle cosche, ma la piazza di spaccio della camorra trasloca su Telegram.

Il Coronavirus ferma la criminalità, rapine, furti e spaccio dal 9 marzo sono crollati di oltre l’80 %. Al tempo del Coronavirus, può accadere anche che un elemento di spicco dello storico clan camorrista Nuvoletta, per esempio, venga arrestato per un reato non proprio efferato: contrabbandare zeppole per la festa del papà. Le avrebbe vendute a domicilio per conto d’un pasticcere che, dopo aver pubblicizzato l’inizia tiva sul suo profilo Facebook, è stato incastrato ieri dai carabinieri di Marano.

CORONAVIRUS: CROLLANO, RAPINE FURTI ED ESTORSIONI

Secondo quanto riporta il Fatto Quotidiano, l’emergenza covid ha inflitto un colpo durissimo ai clan di tutta italia.

A Reggio Calabria, il boss Cosimo Borghetto (nel suo curriculum precedenti per mafia, traffico di droga e omicidio) viene arrestato per il decreto anticoronavirus e finisce agli arresti domiciliari per la violazione della sorveglianza speciale a cui era sottoposto.

E se i boss hanno bisogno di passeggiare, i latitanti hanno bisogno di mangiare. La settimana scorsa, a Bruzzano Zeffirio (nella Locride), i carabinieri notano un uomo avvicinarsi a un’abitazione che risultava disabitata.

Ha una busta in mano e si giustifica così: “Sto portando la spesa a casa di un amico”. L’amico è il latitante della ‘ndrangheta, Cesare Antonio Cordì, sfuggito 8 mesi fa all’operazione “Riscatto”.

Dal 9 marzo la maggior parte dei mattinali di carabinieri e polizia di Stato registrano per giorni zero borseggi, rapine e furti in abitazione.

Le cosche hanno meno facilità di movimento e i loro traffici sono rallentati. Incluse le estorsioni. Come fanno a prenderla l’estorsione se i negozi sono chiusi? Meno persone sulle strade e più controlli: è chiaro che anche lo spaccio di droga è più rallentato.

PIAZZA DI SPACCIO SU TELEGRAM

Grazie alle intercettazioni casa – spiega un carabiniere al Fatto Quotidiano, abbiamo scoperto una piazza di spaccio telematica.  

Il venditore, di solito è un gregario del clan, che si assume il rischio di uscire. Tra i tossicodipendenti è scattata la sindrome da approvvigionamento simile a quella delle file notturne nei supermarket.

Lo spacciatore si muove con carichi di droga superiori alla media dei giorni prima dell’emergenza, lo abbiamo appurato in qualche recentissimo sequestro.

I camorristi stanno usando di più il telefono. I clan sono sostanzialmente fermi, lavorano con la droga, stanno provando a reinventare un business nelle mascherine e nei gel disinfettanti.

Temo che quando l’emergenza sarà finita, i camorristi usciranno dalle loro tane affamati come lupi“.

IL COVID NON FERMA LA CORRUZIONE

La corruzione, invece, non sembra arrestarsi neanche di fronte alla pandemia da COVID-19. La Guardia di finanza, due giorni fa, ha arrestato un dipendente del Comune di Nichelino (Torino) e un dipendente di una ditta di pulizia. Si indaga sull’affidamento delle attività di sanificazione e disinfezione di immobili comunali. Sequestrati 8mila euro in due mazzette, da 5 e 3mila euro, per l’aggiudicazione di contratti per servizi di pulizia.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.