ULTIME NOTIZIE SULL'EMERGENZA CORONAVIRUS

Il premier Conte: “Proroga delle misure restrittive, stanno funzionando”

conte proroga misure restrittive

Il premier Giuseppe Conte parla in esclusiva a Corriere.it annunciando una proroga delle misure restrittive che stanno cominciando andare dei frutti.

Evitare il collasso del sistema è stato un primo passo nella battaglia contro il coronavirus. Il premier Conte annuncia una proroga per le misure restrittive, lo fa attraverso il sito Corriere.it. “Le misure stanno funzionando è ovvio che quando raggiungeremo un picco il contagio comincerà a decrescere, speriamo tra qualche giorno“. Tornare alla vita di prima non sarà immediato, ecco perché la chiusura delle scuole e delle attività verrà estesa anche dopo la scadenza (3 aprile ndr), come annunciato dallo stesso Conte.

Restare in casa in questo momento è fondamentale per evitare il contagio che si sta avvicinando sempre di più al picco. Nonostante i tantissimi inviti i denunciati sono oltre i 50mila come fa sapere il Viminale. Intanto nel prossimo week end proprio il governo potrebbe annunciare ulteriori misure di sicurezza per controllare il contagio.

La Croce Rossa cinese: chiudere tutto

Se Conte pensa ad una proroga delle misure di sicurezza, c’è chi chiede ulteriori restrizioni per l’Italia. In particolare la richiesta arriva dal vicepresidente della Croce Rossa Cinese, Sun Shuopeng che in conferenza stampa alla Regione Lombardia dice: “Bisogna fermare tutte le attività economiche. Tutti devono restare a casa e dare il loro contributo, la vita delle persone è la cosa più importante, non ci sarà una seconda occasione“. Il numero due della Croce Rossa Cinese si è detto stupito dal vedere ancora così tante persone per strada. Emblematiche le foto della metropolitana di Milano affollata di persone all’ora di punta. Secondo quanto fa sapere Shuopeng in Cina la situazione è cominciata a migliorare “un mese dopo aver adottato il blocco completo“. In questo modo anche gli ospedali hanno potuto lavorare più tranquillamente. Oggi a Wuhan per la prima volta non si è registrato nemmeno un contagio.

Archivi