TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO NAPOLI

Coppa Italia, la provocazione dell’Inter: “A Napoli giocheremo con la primavera”

inter napoli primavera

Coppa Italia,  l’Inter a Napoli con la formazione primavera. I nerazzurri lanciano una forte provocazione in vista della ripresa della serie A.


Il calcio italiano ripartirà con la Coppa Italia che farà da apripista alla ripresa del campionato di Serie A dal prossimo 20 giugno. Sono state stabilite le date delle semifinali di ritorno (NapoliInter e JuventusMilan) che si giocheranno il 13 e il 14 giugno. Mentre la finale è in programma mercoledì 17 giugno.

L’INTER A NAPOLI CON LA SQUADRA PRIMAVERA

Secondo quanto riporta l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport:  “Inter, Milan e Juventus,non hanno gradito la ripartenza del calcio con le semifinali di Coppa Italia. L’Inter (già leader dei club che si opponevano al ritiro bunker) guida la protesta: la ripartenza consegnata alla Coppa Italia è definita sconcertante. Tanto da suggerire una provocazione: l’Inter a Napoli potrebbe scendere in campo con la formazione Primavera.
La rabbia dei nerazzurri si giustifica così: nella prima settimana di ripresa dei tornei i nerazzurri “rischiano” di dover giocare tre partite, unica big con un calendario tanto intenso. Alla semifinale di ritorno del 14 giugno (si parte dallo 0-1 di San Siro) potrebbe seguire la finale del 17 a Roma. Con la ripresa del campionato tre giorni più tardi si completerebbe il tris nerazzurro. Non solo: se il campionato riprenderà con i recuperi della venticinquesima giornata l’Inter sarà l’unica squadra chiamata a un simile tour de force”.

Nelle gare di andata il Napoli si era imposto a Milano 1-0 sull’Inter (gol di Fabian Ruiz) lo scorso 12 febbraio, mentre, sempre a San Siro, Milan e Juventus avevano pareggiato 1-1 il giorno successivo (gol di Rebic e Ronaldo su rigore). Tra l’altro, nel match di ritorno il Milan dovrà fare a meno di molti giocatori chiave: Ibra infortunato (ma che avrebbe saltato ugualmente la gara per squalifica), Castillejo anche lui squalificato e Theo Hernandez che era stato espulso nella partita d’andata.

Archivi