Ammutinamento Napoli – Insigne a Edo: “State sempre contro di noi”

ammutinamento napoli
Ultimo aggiornamento:

Ammutinamento Napoli – Insigne a Edo: “State sempre contro di noi”. E’ un retroscena di quel ‘famoso’ 5 novembre post Salisburgo fatta da Il Mattino. 

Secondo quanto scrive il quotidiano in edicola oggi, negli spogliatoi andò in scena uno scontro tra i calciatori ed il vice presidente della SSCN Edo De Laurentiis. Poi si consumò l’ammutinamento da parte dei giocatori del Napoli.

Retroscena ammutinamento

Nell’ ammutinamento del Napoli c’è ancora Insigne protagonista. Secondo quanto rivela il quotidiano Il Mattino la sera del 5 novembre, i giocatori negli spogliatoi hanno ricevuto la notizia della permanenza in ritiro a quel punto il capitano del Napoli ha comunicato “l’indisponibilità dell’intera rosa a pernottare”. A quel punto entrano in scena Ancelotti e Giuntoli che cercano di mediare con i calciatori, facendogli capire la necessità di cambiare decisione e di tornare al ritiro di Castel Volturno, così come aveva imposto la società. Nonostante la mediazione di allenatore e direttore sportivo gli animi si sono scaldati, con Mertens che ha abbandonato lo spogliatoio dopo aver accusato Giuntoli: “Non ci aiuti  mai, non ci tuteli con il presidente”. In questo contesto è entrato Edo De Laurentiis che ha preso atto di quanto stava accadendo, ricordando ai calciatori i premi stanziati dalla società e che un tale comportamento sarebbe apparso come “irrispettoso verso la società”. Gli animi sono rimasti incandescenticon Allan che ha avuto uno scontro con il vice presidente del Napoli, tanto da rischiare lo scontro: “I centomila euro te e tuo padre ve li potete mettere…” avrebbe detto il brasiliano. Così si è consumato l’ ammutinamento del Napoli con Insigne che rivolgendosi al figlio di Aurelio De Laurentiis ha detto: “State sempre contro di noi“. Riferendosi ad una mancata tutela della società verso i calciatori. A quel punto tutti sono andati via dal San Paolo, con Ancelotti ed il suo staff che hanno fatto rientro a Castel Volturno, mentre i calciatori sono tornati alle proprie abitazioni, sancendo di fatto una crisi nera che perdura fino ad oggi.