Calcio Napoli

VIDEO – Foggia è una furia contro Mazzoleni: “Hai la coscienza sporca”

Pasquale Foggia direttore sportivo del Benevento si rivolge a Paolo Silvio Mazzoleni, al Var in Benevento-Cagliari

Pasquale Foggia è un furia contro Paolo Silvio Mazzoleni, che insieme a Daniele Doveri non ha concesso un rigore a favore del Benevento contro il Cagliari. Il contatto di Asamoah con Viola sembra netto, ma né l’arbitro in campo né in salva Var hanno deciso di intervenire. A guardare le immagini sembra veramente complicato non concedere il rigore. Perché anche se Viola sembra lasciare un po’ la gamba per cercare il contatto, c’è da dire che di rigori simili vengono assegnati continuamente. Quindi a questo punto bisogna capire il qual è il metro di giudizio utilizzato. Ce lo potrebbe spiegare ad esempio Trentalange, che aveva promesso di far parlare gli arbitri, ma ancora una volta resta mestamente in silenzio.

Il Benevento è una furia e Foggia ha voluto parlare con Mazzoleni anche dopo la partita. All’uscita dallo stadio Vigorito il dirigente sannita si è rivolto all’ex arbitro che era in sala Var per Benevento-Cagliari ed ha detto: “Se hai una coscienza te lo vai a rivedere” riferendosi al tocco di Asamoah su Viola. “Qui ci giochiamo la vita, te lo devi rivedere” ha detto più volte Foggia a Mazzoleneni, come si può vedere nel video di Napolimagazine. “Tu hai la coscienza sporca e l’hai sempre avuta, sia da arbitro che da Var” aggiunge il dirigente del Benevento.

Come dimenticare la scellerata direzione di gara di Mazzoleni nella finale di Supercoppa tra Juventus e Napoli a Pechino. Ma gli errori di Mazzoleni sono disseminati nel corso degli anni e sono sotto gli occhi di tutti, solo che nessuno interviene per mettere finalmente fine ad una carriera costellata di errori. Al momento non ci sono segnali di questo tipo e Mazzoleni potrà continuare a sedere in sala Var, impunito.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.