ULTIME NOTIZIE SULL'EMERGENZA CORONAVIRUS

Verona-Napoli: La curva Veronese offende Insigne. Il gesto di Lorenzo che nessuno ha notato…

Al Bentegodi razzista urlano «scimmia» a tutti gli azzurri. La curva Veronese offende Insigne. Una pioggia di insulti cade sulla squadra di Sarri.

Al Bentegodi razzista urlano «scimmia» a tutti gli azzurri. La curva Veronese offende Insigne. Una pioggia di insulti cade sulla squadra di Sarri. Il gesto di Lorenzo che nessuno ha notato…

Scrive il Mattino

Veronesi urlano «scimmia» a tutti gli azzurri durante la lettura delle formazioni

VERONA. Hanno accolto ognuno degli undici azzurri con un urlo assai poco gradevole: «scimmia». Così, giusto come cocktail di benvenuto.

Pensate alla scena, con lo speaker che legge la formazione, prende una pausa dopo il nome e dall’alto del Bentegodi si sente il coro «scimmia». Così per undici volte. Più, sia pure a tono dimesso, con Sarri. Non c’entra nulla il colore della pelle, è un coro senza distinzione e che tira in ballo chiunque, basta che sia del Napoli.

La curva Veronese offende Insigne

Al Bentegodi trattamento speciale per Lorenzo Insigne, a cui viene spesso rivolto anche un buu di accompagnamento per ogni sua azione. Ma che volete che sia? Ormai questo stadio è una persecuzione per lui. Insigne non si scompone mai, anzi più lo insultano più i suoi scatti sembrano rapidi, il suo tocco delicato.

Non si lascia mai andare, tranne alla fine, quando tradisce il tumulto che ogni volta che vieni qui ha dentro di sé. E si lascia andare quando quei cori contro di lui non cessano neppure con la partita terminata. E tirano in ballo la mamma.

Al Bentegodi razzista urlano «scimmia» a tutti gli azzurri. La curva Veronese offende Insigne. Una pioggia di insulti cade sulla squadra di Sarri.

Il gesto di Lorenzo che nessuno ha notato…

Lorenzo va sotto la curva veronese, o meglio il pezzo di stadio che la rappresenta,  e si sbatte la mano sul petto, lì dove c’è il cuore, per l’appunto. Una, due, tre volte. Lo stadio fischia. A lui non importa. Lo rifà. Ancora un’altra volta. Più gli ultrà fischiano e più lui ripete il gesto. Fino all’ultimo metro che resta in campo.

Come a voler dire: “Napoli è nel mio cuore”. Tra i migliori in campo, ancora una volta. Forse il migliore. E ancora una volta al Bentegodi, anche se non ha fatto gol. Fischiate pure, tanto Insigne non si fa certo scoraggiare…

Archivi