Calcio Napoli

Tiki Taka, Chiambretti difende Facci: “Quando si parla di Napoli può succedere di tutto”

Piero Chiambretti difende Facci per le dichiarazioni su Maradona: “Quando si parla di Napoli può succedere di tutto”.

Tiki Taka è balzata agli onori della cronaca non per la qualità del programma ma per i contenuti altamente polemici su Maradona e Napoli. Il conduttore, Piero Chiambretti, nell’ultima puntata del talk show calcistico in onda su Italia Uno, è tornato sulle dichiarazioni rese da Facci su Diego Armando Maradona. come tutti ricorderanno le parole del giornalista di Libero suscitarono una forte indignazione da parte dei tifosi del Napoli:

“Andavo periodicamente a vedere Maradona su Youtube, lui sarebbe uno dei pochi che fisicamente potrebbe resistere ai campioni di oggi. Tuttavia, come persona aveva dei difetti da mediocre imbecille, che è morto a 35 anni, diversamente da Paolo Rossi che è morto da vivo. I napoletani si sono identificati in lui, creando un meccanismo di deificazione che fa venire la nausea. Di Maradona riuscirò a parlare solo tra un paio di anni”.

Le parole di Facci hanno creato un caso mediatico importante e per questo motivo Piero Chiambretti, invece di chiedere scusa, ha indirettamente difeso Facci e la sua trasmissione:

“Quando si parla di Napoli in questa trasmissione può succedere di tutto. Lo dico a quelli che mi hanno insultato, questo è un bar dello sport 4.0 dove ognuno dice quello che pensa. Io non censurerò mai il pensiero di nessuno, al limite contesterò il modo con cui certe cose vengono dette”.

La contestazione da parte di Chiambretti non è mai arrivata in merito alle insulse dichiarazioni di Facci. Il Chiambretti 2.0 è un lontano ricordo, del diavoletto appassionato e pimpante che noi tutti ricordavamo. Tiki Taka ormai è ridotta a mero dibattito da bar dello sport, di calcistico resta poco o niente.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.