NAPOLI NOTIZIETutto Napoli

Terremoto Ischia, estratto vivo dalle macerie un bimbo di 7 mesi. Si cercano ancora i due fratellini..

Terremoto Ischia, estratto vivo dalle macerie un bimbo di 7 mesi. Si cercano ancora i due fratellini di 3 e di 5 anni: il loro rifugio è stato un letto ed è lì sotto che sono ancora.

 redazione napolipiu.com

Estratto vivo dalle macerie un bimbo di 7 mesi. Applauso liberatorio dei soccorritori

ISCHIA- Estratto vivo dalle macerie un bimbo di 7 mesi rimasto intrappolato sotto una casa crollata a Casamicciola, a causa del terremoto di magnituo 4.0, che ha colpito l’isola il 21 agosto 2017.

Applauso liberatorio dei soccorritori quando il piccolo è stato estratto dalle macerie. Le sue condizioni di salute appaiono buone, ma è stata comunque portato all’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno per accertamenti.

Si cercano ancora i due fratellini di 3 e di 5 anni

Laa felicità di aver sentito il pianto del piccolo di soli 7 mesi, tirato fuori vivo dalle macerie di una casa crollata. Ma c’è ancora l’attesa che siano tratti in salvo anche altri due bimbi, i fratellini del neonato, di 3 e di 5 anni: il loro rifugio è stato un letto ed è lì sotto che sono ancora.

Terremoto Ischia, estratto vivo dalle macerie un bimbo di 7 mesi. Si cercano ancora i due fratellini di 3 e di 5 anni: il loro rifugio è stato un letto

La lunga notte di Casamicciola

E’ una lunga notte, questa, per Casamicciola, il comune dell’isola d’Ischia colpito da un terremoto – magnitudo 4.0 – poco prima delle nove di ieri sera. E’ una notte di paura che la terra torni a tremare e di attesa che questa gran brutta storia passi il più in fretta possibile.

Piazza Maio dove la vita e la morte si sono incontrate.

Erano le 20.57 di ieri sera quando la terra ha iniziato a tremare. Si contano i feriti, 39, di cui uno gravissimo. E i morti, due donne. E si sono vissute le storie di chi, per ore, è rimasto sotto le macerie: come Alessia, incinta, e Alessandro, la mamma e il papà del neonato che quando è sbucato fuori dalle macerie ha fatto urlare di gioia i soccorritori.

Tra i ‘miracolati’, c’è poi un altro uomo ed un’anziana rimasta ferita. Storie a lieto fine che non cancellano affatto quelle delle due donne che invece non ce l’hanno fatta: una colpita dai calcinacci di una chiesa, l’altra il cui corpo è stato visto sotto le macerie, lì in piazza Maio dove la vita e la morte si sono incontrate.
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per seguirci su Twitter

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.