Calcio NapoliTutto Napoli

Sofferenza e concretezza: il Napoli batte un colpo importante

Il Napoli batte il Parma con il risultato di 2-0, gli azzurri non dominano il match ma sono concreti e sanno soffrire.

Serviva un segnale di compattezza e di unità e la vittoria con il Parma l’ha data. Il Napoli ha dimostrato di sapere e volere soffrire, tutti uniti, remando nella stessa direzione. Non è un caso che dopo il gol di Politano l’attaccante e tutto il gruppo si andato ad abbracciare il tecnico Gennaro Gattuso, fortemente criticato e con la panchina ancora in bilico. In quell’abbraccio c’è la risposta della squadra che si schiera dalla parte dell’allenatore. Ma il Napoli soffre, questo è innegabile, soprattutto nella ripresa quando il Parma per almeno 20/25 minuti prende in mano le redini del gioco e reagiscono alla rete siglata nel primo tempo da una bellissima azione personale di Elmas.

Cuore e sofferenza

In quei 20/25 minuti sembra ritornato il vecchio Napoli, quello che all’improvviso stacca la spina e si fa travolgere dagli avversari e quindi non deve sorprendere che alla fine il Parma abbia chiuso con un possesso palla maggiore rispetto al Napoli. Una squadra che ha chiuso con il 3-4-3 per cercare di non prendere ripartenze dopo il 2-0 siglato dal prezioso gol di Politano. Quando si è in difficoltà serve anche questo, serve saper soffrire, serve restare uniti.

Emergenza attaccanti

Lo sa bene Gennaro Gattuso che deve fare i conti anche con l’assenza di attaccanti centrali. Con il Parma il tecnico ha dovuto puntare di nuovo su Petagna anche se l’ex Spal non era al meglio della forma. Mertens è in Belgio per farsi curare per un riacutizzarsi dell’infortunio alla caviglia e Osimhen è ancora fuori condizione. Insomma non saranno scuse, ma quantomeno attenuanti.

NAPOLI SU GOOGLE NEWS

Su Google news tutte le notizie su Napoli, la squadra, la città e la sua storia. Segui ora

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.