TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO NAPOLI

Napoli, i tifosi ci vanno cauti: «Non serve a nulla adesso, il primo posto deve arrivare a maggio»

Napoli, i tifosi ci vanno cauti. Un bel film, per diventare un capolavoro, deve avere un finale stratosferico. Il 2017 del Napoli non è stato costellato di trofei sicuramente, ma le soddisfazioni sono arrivate senz’altro. I numeri, checché si dica, sorridono alla squadra di Maurizio Sarri che, vincendo anche stasera contro il Crotone, avrebbe conquistato 99 punti nell’anno solare, più di qualsiasi altra squadra. Frutto, chiaramente, di un girone di ritorno positivo e di un girone d’andata di questa stagione da prima della classe. Ai tifosi non bastano i record, vogliono i successi, scrive il quotidiano il Roma.

Napoli, i tifosi ci vanno cauti

«Puoi fare anche 200 punti – scrive su Facebook Andy Rouge – ma ciò che conta sono i titoli a maggio». E come dargli torto. Ma è solo da questi numeri che possono nascere i più bei trionfi e quest’anno il Napoli non ha alcuna intenzione di restare a bocca asciutta.

ULTIMO ATTO

Prima, però, c’è da battere Walter Zenga e i suoi nell’ultimo atto prima del 2018. «Non metteremo il pullman in area» ha promesso in conferenza stampa l’allenatore rossoblù, e già questo è un punto di partenza. Ciò che maggiormente conterà, però, sarà l’atteggiamento del Napoli. L’ultima trasferta in cui è arrivato un pareggio è quella di Verona, quando il Chievo si chiude completamente e non permise agli azzurri di segnare.

Poca lucidità là davanti e basta?

«Pure con il Chievo pensavamo di vincere e non abbiamo vinto – asserisce tramite Facebook il tifoso Michele Saggiomo – quindi non sottovalutiamo l’avversario. Il Napoli per vincere deve farlo con il gioco al contrario della Juve che vince facile anche giocando male tanto ha sempre campioni che gli risolvono la partita in qualsiasi momento». E allora ai partenopei non resterà che girare come sanno, che dimostrare di essere di nuovo quella squadra che all’inizio della stagione annichiliva qualsiasi tipo di avversario.

MERCATO

La marcia d’avvicinamento a questa gara è andata avanti tra campo e mercato. Perché tra pochissimi giorni si aprirà la sessione invernale e già tanti sono i nomi che ruotano attorno all’orbita azzurra. Con l’arrivo di Roberto Inglese ormai certo, per stessa ammissione di Aurelio De Laurentiis, adesso la priorità è il terzino sinistro per rimpiazzato l’infortunato Ghoulam.

Si parla di Matteo Darmian, che a dire il vero non fa impazzire la tifoseria, sempre molto pretenziosa

«Darmian al Napoli farebbe solo panchina perché non ha tocco di palla sbaglia sempre i cross e gioca quasi sempre da solo. Non è un giocatore che piace a Sarri», scrive su Twitter Antonio Petrone.

Poi c’è anche la questione-portiere, che entrerà nel vivo soltanto più in là.

Pepe Reina è infatti in scadenza e Cristiano Giuntoli pare aver individuato il sostituto in Bernd Leno del Bayer Leverkusen. Nome, questo, visto di buon occhio dai supporters partenopei.
«Rappresenterebbe la soluzione migliore in caso di eventuale addio di Reina. Il problema – spiega il tifoso Antonio d’Atri – è legato ai costi dell’operazione e alla concorrenza di club con i quali potrebbe essere difficile competere specialmente ora che il Bayer Leverkusen 04 è rientrato nelle zone alte della classifica». Sì, difficile lo è. Ma ci si penserà più avanti. Prima c’è un Crotone da battere e un record, l’ennesimo, da conquistare. E allora testa al campo.

Archivi