Mazzola: “Ancelotti tiferà Inter. Mi ha stupito una sua dichiarazione…»

Mazzola: "Ancelotti tiferà Inter. Mi ha stupito una sua dichiarazione...»

Mazzola invita Ancelotti a tifare Inter per fermare l’egemonia della Juventus. L’ex bandiera nerazzurra stupita da alcune dichiarazioni di Carletto.

[better-ads type=”banner” banner=”81855″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”left” show-caption=”1″][/better-ads]

Dopo la vittoria del Napoli sull’Atalanta di Gasperini, Carlo Ancelotti stuzzicato dai giornalisti su Juventus-Inter ha rivelato: «La prima maglia che ho avuto in regalo è stata quella dell’Inter di Mazzola, il mio idolo: avevo sei anni».

Sandro Mazzola, 76 anni, con i nerazzurri ha vinto tutto: 4 scudetti, due coppe dei Campioni, due intercontinentali e un europeo oltre a essere stato vice campione del mondo nel 1970, ha rilasciato alcune dichiarazioni al corriere del Mezzogiorno.

Mazzola ha saputo della passione da bambino di Ancelotti?

«Una cosa che ho appreso martedì, ma devo dire che anche lui è tra i miei allenatori preferiti. Ora sta facendo giocare anche molto bene il Napoli e non me l’aspettavo. Non sapevo che Carlo avesse la mia maglia, sono cose che ti fanno piacere. Lo chiamerò e lo ringrazierò».

Si aspettava questo avvio del tecnico di Reggiolo alla guida degli azzurri, soprattutto dopo l’era Sarri?

«Ha avuto sempre la mia stima perché è stato un grande calciatore prima ed è un grande tecnico. Ha vinto in tutte le squadre dove ha allenato. Prendere il Napoli, che non è dotato di fuoriclasse è stato un azzardo, ma anche una grande sfida. E in carriera ha dimostrato di non essersi mai tirato indietro. Ricordiamoci che il Napoli nei tre anni di Sarri aveva un gioco collaudato e dargli una nuova impronta non era facile: è stato molto bravo».
Con l’Atalanta è tornato al gol anche Milik. Le piace come centravanti?
«Ha grandi colpi. Bisogna però lasciarlo tranquillo dopo i due incidenti che ha avuto non era facile tornare a giocare. Gli sono venute meno le certezze, è comprensibile. Ma ora sembra aver ritrovato il passo giusto. Per me può fare grandi cose».

[better-ads type=”banner” banner=”105133″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Venerdì c’è Juventus-Inter, un crocevia per i nerazzurri. Inutile dirle per chi farà il tifo Napoli.

«Provo a immaginarlo (ride, ndr). Contro la Juventus sarà una battaglia per l’Inter: una vittoria rimetterebbe tutto in gioco, ma è davvero dura. I bianconeri stanno trovando pochi ostacoli. Bisognerà attaccarli alti, come ha fatto il Napoli nel primo tempo a Torino. Bisognerà fargli capire che non ci sarà storia».
L’Inter può avere un tifoso in più: Carlo Ancelotti
«Magari con la mia maglia nerazzurra tra le mani! Non ha vissuto una bella esperienza a Torino con la Juventus, ma le cose passano e lui ha dimostrato negli anni di superare certe difficoltà. Certo una vittoria dell’Inter sarebbe oro per il Napoli. Si riaprirebbe del tutto il campionato».