ULTIME NOTIZIE SULL'EMERGENZA CORONAVIRUS

Maggio: “Taglio degli stipendi è comprensibile, giusto diminuire le vacanze”

Christian Maggio esterno del Benevento è intervenuto a Radio Punto Nuovo parlando del momento di blocco del campionato e possibile taglio degli stipendi.

L’ex calciatore del Napoli Christian Maggio ha parlato durante Punto Nuovo Sport Show, trasmissione di Umberto Chiariello. L’attuale calciatore del Benevento ha fatto il punto sul blocco dei campionati che rischiano di  non terminare: “Francamente ho paura che non potremmo passare in Serie A, questo lo dico perché c’è un grado estremo di incertezza. Spero con tutte le forze che il campionato possa ricominciare e terminare, anche se bisognerà attendere“.

Secondo Maggio il “campionato deve essere finito per dare una linearità alla Champions, al campionato, alla promozione e retrocessione. Il presidente Vigorito quest’anno ha investito tanto e mi metto nei suoi panni se bloccano il campionato, sicuramente ci resterebbe male, ma lo capisco perché è un uomo che vive il calcio“. Lo stesso calciatore ex Napoli non sarebbe in disaccordo né con un taglio degli stipendi né con una diminuzione delle vacanze: “Nella mia carriera sono riuscito a fare Europei, Mondiali e di vacanze ne ho fatte veramente poche quindi per quanto mi riguarda non sarebbe un problema finire il campionato più in là. Cambiare un po’ programmi e punto di vista, non penso sia un problema, vista l’emergenza. Sugli stipendi, sicuramente vedranno le società che capisco, noi non possiamo dire nulla. Se succederà accetteremo con tranquillità, ma penso passa tutto in secondo piano: al momento è importante che passi questo momento tragico“.

Chiusura dedicata al Napoli: “Ero molto vicino ad Ancelotti per il modo di allenare, ha tante idee ed ha una gestione che mi piace tanto. Purtroppo è andata com’è andata ed è arrivato un allenatore molto bravo, carismatico, conosco Rino ed è una persona che sa il fatto suo. E’ partito non benissimo, ma sta avendo continuità e ne sono contento. Peccato per lo stop che ha bloccato la crescita, la squadra c’è, ragazzi fantastici e allenatore molto bravo“.

Archivi