JUVENTUS-NAPOLI 3-1: LA PRIMA FUGA DELLA JUVENTUS

Sconfitta per gli azzurri allo stadium


di Giuseppe Libertino

Un Napoli molto pratico e soprattutto serenissimo delizia tutti per più di 20 minuti comandando il gioco nell’arena della Juventus. Prima un palo di Zielinski in apertura a scalfire il muro bianconero, poi una leggerezza di Bonucci lancia il trio Allan-Callejon-Mertens con il pallone in porta: gli azzurri passano in vantaggio a Torino.

La Juve è sorpresa, lo Stadium è gelato. I bianconeri impiegano 26 minuti per ristabilirla: Cristiano Ronaldo ubriaca Hysaj e serve un pallone perfetto sulla testa di Mandzukic che trafigge Ospina. Cambia il match con il 7 portoghese della Juventus che sale in cattedra. Bianconeri fisici e potenti chiudono il Napoli in difesa. Gli azzurri provano a frenarla, la spinta del tifo bianconero esalta gli uomini di Allegri che sfiorano il secondo gol.
Il Napoli costruisce di meno, la Juve prende possesso del prato. Gli esterni napoletani soffrono le folate di Ronaldo e Dybala. Maluccio Banti nella divisione cartellini.

La ripresa parte subito in favore della Juventus. Dybala semina il panico, Ronaldo prende il palo, tap-in di Mandzukic e doppietta. Ribaltone.
Si lotta in mezzo al campo, il Napoli ci prova ma la Juve presenta più centimetri e chili in campo.

Un’ingenuità di Rui fa crollare il Napoli. L’arbitro Banti lo spedisce negli spogliatoi dopo un’entrata scomposta su Dybala. Accenno di rissa, paga solo il Napoli. 11 vs 10, match segnato. Malcuit e Milik sono le mosse di Carlo, Max risponde con Betancur e Bernardeschi. In 10 l’occasione monumentale è tra i piedi di Callejon, frenato dalla difesa juventina. Da un clamoroso pari in inferiorità numerica alla fine del match con il gol di Bonucci che sfrutta un angolo ed una testata del solito Ronaldo che cerca il gol più di tutti. Gara sepolta, vinta dalla squadra più tecnica e fisica. Ancelotti ha ancora un Allan generosissimo, ma ha gli esterni ‘ex Empoli’ debolucci ed ingenui, Hamsik non brilla ed anche Insigne. Forse stavolta Milik prima e Verdi potevano tornare molto utili.

Banti insufficiente stasera e non una novità.

La Juventus scappa verso il suo ottavo titolo: con 7 vittorie su 7 partite giocate, il Napoli alla seconda sconfitta, è una gran bella squadra ma da secondo posto.