Calcio NapoliPrimo PianoTutto Napoli

De Laurentiis nega i biglietti di Napoli-Milan ai consiglieri comunali. Piccata la risposta

Aurelio De Laurentiis nega i biglietti di Napoli-Milan ai consiglieri comunali dopo le polemiche sui lavori al San Paolo. Continua lo scontro tra il Calcio Napoli e il Comune.

Ancora polemiche tra la SSC Napoli e il Comune presieduto dal sindaco De Magistris. Secondo quanto riporta il quotidiano Cronache di  Napoli, De Laurentiis nega i biglietti di Napoli-Milan ai consiglieri comunali.

DE LAURENTIIS NEGA I BIGLIETTI DI NAPOLI-MILAN AI CONSIGLIERI

I rapporti tra il Calcio Napoli e il comune sono ai minimi termini, scrive il quotidiano,  e non c’è più alcuna convenzione sulla gestione dell’impianto sportivo. Per giocare la gara contro il Milan sabato sera a Fuorigrotta, il club di Aurelio De Laurentiis dovrà, di fatto, ‘affittare’ lo stadio pagando un canone e una percentuale dell’incasso dei biglietti pare al 10%. I consiglieri comunali hanno alzato la voce ultimamente contro la società azzurra, ‘colpevole’ di non volere un accordo serio con l’Ente, rispettoso “degli interessi della città”. Ed è arrivata la reazione del Napoli. Niente biglietti ai consiglieri per la gara contro il Milan.

ARRIVA LA RISPOSTA DEL COMUNE DI NAPOLI

Il Napoli, chiaramente, non ha l’obbligo di riservare i biglietti visto che non ci sono più rapporti convenzionati tra club e Comune. Però è anche vero che il presidente non può gestire uno spazio pubblico come se gli appartenesse, negando la tribuna autorità a quelli che sono i più diretti rappresentanti dei cittadini napoletani .Carmine Sgambati spiega: “E’ una situazione che ci lascia indifferenti. Noi siamo legati alla squadra e ai colori della città, ce ne frega del biglietto. Ce ne andiamo in curva senza problemi. Bisogna vedere se, piuttosto, il presidente ha pagato l’affitto per usufruire dello stadio come servizio a domanda individuale”.

 

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.