Personaggi napoletani

Da un mandolino dimenticato nella barberia del papà nacque un genio della canzone Napoletana.

 

UN MANDOLINO FATALE

Di: Adriano Pastore

Un mandolino dimenticato nella barberia del papà fu la scintilla che accese il genio artistico del piccolo Giovanni Ermete Gaeta (Napoli 5 maggio 1884 – 24 giugno 1961), poi conosciuto con il nome d’arte di E.A Mario.

Una vena inesauribile, carica di vulcanica napoletanità. Toccò con eguale abilità tutte le sfaccettature di quel prisma luminoso che è l’arte letteraria; saggi storici, novelle, poesie, canzoni. Un pioniere che tracciò un sentiero seguito poi da Pino Daniele, Peppe Barra e Nino D’Angelo.

La radice del grande albero della canzone napoletana e italiana. Scrisse oltre 2000 brani, autentici capolavori come la Leggenda del Piave (nel 1921 fu eseguita per l’inaugurazione del monumento al milite ignoto in Roma e in quell’occasione fu invitato al Quirinale dove gli furono conferite le insegne di commendatore della Corona d’Italia), Profumi e Balocchi, Santa Lucia Luntana (nel 1954 fu scoperta una targa marmorea al Borgo Marinaro di Napoli alla presenza del Presidente della Repubblica E. De Nicola), Dduje Paravise e Tammurriata Nera.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.