napolipiu.com
Calcio Napoli e cultura Napoletana: Ecco il sito che parla la tua lingua

CORBO. Per De Laurentiis e Ancelotti sarà un’estate rovente.

Per De Laurentiis e Ancelotti picchia già il sole di una estate rovente. Il Napoli è una squadra sgonfia che esce anche dall’Europa League.

L’eliminazione del Napoli dalla Europa League, il grande distacco dalla Juventus in campionato e la condizione fisica degli azzurri e il caso Insigne, sono l’oggetto delle considerazioni del decano dei giornalisti napoletani, Antonio Corbo, su Repubblica:

NAPOLI ELIMINATO DALLA COPPA

La Juve dalla Champions, il Napoli dall’Europa League. Questione di giorni. Escono tutt’e due. Sul calcio italiano scende il buio. Assente ai mondiali 2018 in Russia, mancherà anche nelle semifinali europee delle coppe. L’amarezza del sogno juventino infranto troppo presto, la delusione di una impresa fallita, impresa estrema dopo il 2-0 di Londra, lasceranno presto tempo e spazio per qualche riflessione che l’urgenza delle reazioni non concede. L’Italia può acquistare anche un bomber carico di gloria come Ronaldo, può far tornare dopo nove anni di trionfi all’estero anche il suo allenatore più decorato: ma c’è una distanza ancora troppo ampia dagli standard inglesi e dalla rivelazione olandese dell’Ajax”.

LA CONDIZIONE FISICA DEGLI AZZURRI

L’Arsenal, è solo quarto nella Premier, pur avendo gli affilati Aubameyang e Lacazette, è più tozzo e vulnerabile del Liverpool, del Manchester City, del Tottenham. Abbordabile dopo l’ingrato sorteggio solo se fosse arrivato a Londra in condizioni fisiche migliori, e magari con Milik. Anche ieri, nei quarti di finale della seconda coppa europea senza la Var, paga l’ostile valutazione del fuorigioco insistito dell’Arsenal. Ci mancavano solo le sviste degli arbitri romeni.

Ancelotti ha visto sgonfiarsi la squadra tra le mani. Ha difeso la preparazione atletica del nuovo staff, né ha chiesto spiegazione sui troppo malanni muscolari. Negli ultimi anni l’infermeria del Napoli era rimasta per settimane deserta come una stazione di notte. Perché cade il primato del minor numero di giocatori indisponibili?”.

CASO INSIGNE

Questa eliminazione ai quarti ed il secondo posto a km di distanza dalla Juve sono un bilancio onesto, ma troppo pallido ricordando la sicurezza esibita non solo dal tecnico, anche dai leader. Insigne, il capitano, non è immune da critiche e chiaroscuri. Sulla coesione della squadra si può avere qualche dubbio. Chissà se è ben sopportata la leadership di Koulibaly. I sospetti sono non fondati forse, ma almeno giustificati dall’enfasi dell’annuncio del patto sancito dai giocatori sabato, con l’allenatore scorso non invitato. Quali chiarimenti dovevano cercare, quali equivoci dissolvere, quali rappacificazioni tentare per uscire dagli insopportabili grigiori di Londra? “.

DE LAURENTIIS E ANCELOTTI

Da presidente ha parlato al suo ritorno De Laurentiis prima della sfida con l’Arsenal. Giusto, persino lodevole e opportuno. Ma ripensandoci, perché ha rimarcato la stima della società per Ancelotti? Nessuno, nessuno che viva fuori di Castel Volturno, ne dubitava. Durante la gara non si è visto niente che segnasse la superiorità inglese fino alla barriera piazzata male sulla sassata di Lacazette, poco dopo la mezz’ora. L’esclusione di Maksimovic per Mertens ha sorretto il Napoli nel portare con dignità una inutile offensiva.



Ma si è visto Ancelotti mestamente tornare in panchina. Magari per non sentire cori e fischi. Per De Laurentiis e Ancelotti picchia già il sole di una estate rovente”.

CONSIGLIATI PER TE

Napolipiu.com rispetta la tua privacy. Noi e i nostri partner utilizziamo, sul nostro sito, tecnologie come i cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare il nostro traffico. Facendo clic di seguito si acconsente all'utilizzo di questa tecnologia. Puoi cambiare idea e modificare le tue scelte sul consenso in qualsiasi momento ritornando su questo sito. Accetto Leggi di più