Calcio Napoli

Corbo: “De Laurentiis era rimasto come una cappa di smog. La gente ancora si fa domande su Napoli-Verona”

Antonio Corbo critica il silenzio stampa imposto da De Laurentiis e avvisa: "I tifosi si fanno ancora domande su Napoli-Verona"

Antonio Corbo, giornalista di Repubblica ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni della trasmissione “Marte Sport Live”

De Laurentiis? Il silenzio stampa era rimasto come un cappa di smog sul Napoli. La gente ancora si fa domande su Napoli-Verona, si chiede perché la squadra non è riuscita a vincere la partita più facile per accedere alla Champions League. Quel pareggio è come una sconfitta e rimane ancora inspiegabile, non è stato spiegato da De Laurentiis né da Gattuso. Ora c’è la possibilità, in conferenza stampa, di fare qualche domanda. Al di là di questo credo che lui voglia dire qualcosa di molto importante. Non saranno trascurati gli aspetti finanziari.
Non discuto la scelta della conferenza stampa a Roma. Ricordo però che chi vuole criticare o elogiare questa conferenza può anche rimanere a Napoli, come farò io. La Fiat quando ha dovuto lanciare una macchina che poteva sembrare la rivoluzionaria, la Uno, la presentò a New York e vendette 9 milioni di esemplari in più. Napoli è una città meravigliosa ma siamo una città di provincia dal punto di vista commerciale. Il Napoli sarà molto più austero: è inutile spendere molto, bisogna spendere bene“.

Crobo ha poi aggiunto: “Insigne? Chi deve concedergli l’aumento è il club, che deve fare una valutazione. Il prezzo di un qualsiasi professionista lo fa il mercato. Chi è conteso può andare dal datore di lavoro per presentare offerte e chiedere più soldi, altrimenti si va da un’altra parte. Bisogna valutare quanto si importante trattenerlo e quanto conveniente cederlo.

Favorita tra Italia e Belgio? Dipende dallo stato di forma e dalla freschezza atletica. Questi sono gli Europei dela personalità e dei giocatori fisicamente apprezzati. Altri si sono arresi, persino Ronaldo. CR7 non è riuscito a portare la Juventus oltre agli ottavi di Champions League. Il Napoli se vuole diventare di vertice deve acquistare attraverso la competenza, non deve spendere molto ma bene e deve investire in personalità.

Salernitana? Ci sono regole da rispettare, il termine era il 30 giugno e bisognava cambiare società. Ora ha concesso altri giorni. Se questa regola viene rispettata allora il club prosegue con un’altra proprietà. Qualora non venisse rispettata Lotito sarebbe moralmente responsabile anche di eventuale tensioni di ordine pubblico. Oggi è difficile spiegare ai tifosi che rischiano di perdere la Serie A. Spero che tutto si risolva rispettando le regole“.

Leggi anche

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.