ULTIME NOTIZIE SU NAPOLI

CORONAVIRUS – Conte: “Chiuse tutte le attività commerciali tranne, supermercati e farmacie”

Conte: "Chiusi tutti i negozzi, tranne supermercati e farmacie"
Ultimo aggiornamento:

Chiusi tutti i negozi, tranne supermercati e farmacie, lo annuncia il premier Conte su Facebook. Le nuove direttive atte ad arginare l’emergenza coronavirus.

L’Italia è impegnata senza sosta nel contrastare il Coronavirus. Il premier Conte in diretta su Facebook annuncia una nuova stretta per contrastare l’emergenza COVID-19.

Il premier dopo la riunione del pomeriggio a Palazzo Chigi insieme a tutti i capi delegazione dei partiti di governo, ha voluto parlare alla nazione con una diretta sul famoso Social.

Le nuove norme emanate da Conte riguardano principalmente le attività commerciali. Chiudono i negozi tranne gli alimentari e le farmacie, gli uffici.
Chiudono tutti gli esercizi pubblici, i bar e i ristoranti. Saranno limitati gli spostamenti delle persone alle esigenze davvero indispensabili come la spesa e i farmaci.

Conte ha spiegato le nuove direttive per contenere l’epidemia di coronavirus:

“Questa sera mi collego in diretta per darvi alcuni importanti aggiornamenti. Grazie agli italiani che compiono sacrifici. Al primo posto c’è la salute degli italiani”

CHIUSE TUTTE LE ATTIVITÀ COMMERCIALI TRANNE SUPERMERCATI E FARMACIE

Conte aggiunge: “ Per contrastare l’emergenza Coronavirus c’è bisogno di un ulteriore sacrificio. Resteranno chiuse tutte le attività commerciali al dettaglio, ad eccezione di quelle relative ai servizi di pubblica utilità, ai servizi pubblici essenziali, alla vendita di beni di prima necessità e alle edicole.
Tutti i centri commerciali, gli esercizi commerciali presenti al loro interno e dei reparti di vendita di beni non di prima necessità. Chiusi i mercati sia su strada che al coperto e le medie e grandi strutture di vendita; bar, pub, ristoranti di ogni genere.
Resteranno chiuse le attività artigianali di servizio (es. parrucchieri, estetisti, ecc..) ad eccezione dei servizi emergenziali e di urgenza.
Tutti gli alberghi e di ogni altra attività destinata alla ricezione (es. ostelli, agriturismi, ecc..) ad eccezione di quelle individuate come necessarie ai fini dell’espletamento delle attività di servizio pubblico.
Sospensione di tutti i servizi mensa sia nelle strutture pubbliche che private; chiusura di tutti i servizi terziari e professionali, ad eccezione di quelli legati alla pubblica utilità”.

ITALIA ZONA ROSSA

Tutta l’Italia sarà “zona rossa” per contenere l’epidemia di Coronavirus (qui i dati aggiornati a oggi, 11 marzo: 12.462 casi e 827 morti). Chiudono i negozi, gli uffici. Chiudono tutti gli esercizi pubblici, i bar e i ristoranti.
Saranno limitati gli spostamenti delle persone alle esigenze davvero indispensabili come la spesa e i farmaci.
Conte conclude il discorso annunciando la nomina di un commissario per le terapie intensive: Domenico Arcuri: “Restiamo distanti oggi per abbracciarci domani”.

Archivi