ULTIME NOTIZIE SU NAPOLI

Campania premiata da Standard & Poor’s, bocciata l’Italia

Standard & Poor's promuove campania

L’agenzia di rating Standard & Poor’s premia la Campania ma boccia l’Italia. Anche in un momento di crisi l’outlook campano è positivo.

Riuscire a mantenere un ‘giudizio’ positivo in tempo di pandemia è veramente qualcosa di complicato. Eppure ci è riuscita la Campania con Standard & Poor’s che ha confermato il rating della Regione in “BBB-“ ma con outlook positivo, questo significa che per i valutatori dell’agenzia c’è ottimismo per quanto riguarda la la regione del Sud Italia. Questo avviene in un momento delicatissimo per tutto il pianeta.

Basti pensare che la stessa Standard & Poor’s ha dato un outlook negativo per l’Italia, una delle nazioni maggiormente colpite dal problema coronavirus. Secondo fonti regionali “l‘Agenzia di rating ha preso atto dell’efficace azione messa in campo per migliorare i conti regionali, con il recupero e l’azzeramento dei ritardi storici accumulatisi nell’approvazione dei documenti contabili. L’outlook positivo riflette la valutazione che la Regione Campania continuerà il percorso già dimostrato in questi anni di azione responsabile, rigorosa e tempestiva“.

Standard & Poor’s, Campania promossa: la reazione di De Luca

Riceviamo da S&P un importante apprezzamento per la politica economica attuata di recente dalla Regione, mediante la quale è stata assicurata una risposta forte ed immediata per contrastare l’impatto della pandemia sul tessuto economico-sociale e produttivo regionale, anche e soprattutto mediante l’immissione di quasi un miliardo di euro di liquidità sul territorio a sostegno delle famiglie e delle piccole imprese, ancor prima degli interventi posti in essere dal Governo nazionale. Siamo soddisfatti. La Campania ha un motivo in più per presentarsi a testa alta. 

Così Vincenzo De Luca ha commentato il giudizio positivo di Standard & Poor’s che promuove la Campania ma boccia l’Italia. Un riconoscimento che ora deve essere confermato anche nei prossimi mesi, quando sarà fondamentale dare sostegno a lavoratori ed attività produttive, messi in ginocchio dall’emergenza sanitaria.

Archivi