ULTIME NOTIZIE SU NAPOLI

Nuovo focolaio: quarantena per un Comune in Campania, tutto bloccato

focolaio campania quarantena comune

Nuovo focolaio in Campania con un Comune in quarantena, è quello di Letino nel casertano dove sono stati registrati dieci nuovi casi.

E’ scattata la messa in quarantena per un comune in Campania, esattamente quello di Letino nell’alto Casertano. La necessità del provvedimento è scattata dopo che sono stati registrati “contestualmente 10 casi di positività al Covid-19, che si aggiungono ad altri 3 dei giorni scorsi. Si tratta di 13 pazienti tutti asintomatici” scrive il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca sui social.

Lo stesso governatore ha anche firmato l’ordinanza con cui impone a tutti i residente del piccolo Comune di Letino il “divieto di allontanamento dal proprio territorio comunale, così come è impossibile accedere al pese. E’ sospesa l’attività degli uffici pubblici e di tutte le attività commerciali e produttive, compreso bar e ristorazione, anche in modalità di consegna a domicilio“. In pratica torna il lockdown in un paese della Campania e accadrà ogni qualvolta ci sarà un focolaio.

Quarantena comune in Campania: firmata l’ordinanza

Intanto dopo la firma dell’ordinanza per la quarantena, lo stesso governatore ha annunciato test sierologici per tutta la popolazione del Comune di Letino.

La “zona rossa” sarà in vigore fino al 20 maggio prossimo. L’intera popolazione di Letino, che conta 600 residenti, sarà sottoposta a test sierologici con l’obiettivo di bloccare sul nascere una possibile espansione del contagio, in una provincia, come quella di Caserta, dove si sono avuti risultati eccellenti nel governo dell’epidemia. Ho sentito il sindaco di Letino per condividere le decisioni, e per ringraziarlo per il lavoro da lui fatto nei giorni scorsi, grazie al quale si è riusciti a portare alla luce il problema.

La quarantena per un Comune in Campania deve far riflettere sulla necessità di non trasgredire le regole in questa fase 2. Regole che non sempre vengono rispettate da tutta la popolazione.

Archivi