Cultura NapoletanaMassimo TroisiPersonaggi napoletani

Massimo Troisi: “Massimiliano, Ugo o Ciro”. Il monologo principe del cinema napoletano

Troisi:” Massimiliano, Ugo o Ciro?. Il monologo principe di Ricomincio da tre. Massimo deve scegliere il nome da dare all’ipotetico figlio.



Se un giorno avrai un figlio e dovrai scegliere il nome da dargli, segui il consiglio di Massimo Troisi in Ricomincio da tre… (soggetto e regia di Massimo Troisi, 1981).

A differenza di Totò, Massimo recita solo in napoletano.
Noterai che molte delle battute del film sono ormai entrate nel parlato di una generazione intera (la mia) e si stanno trasferendo a quella successiva.

Anche per mia figlia di quattordici anni un “robertino” è sinonimo di ragazzo perbene, ben educato, ma mezzo babbeo. “Me faccio leggero leggero” (come Lello Arena sulla bici di Massimo) si continua a dire per convincere una amico che non ha tanta voglia di portarti.

Troisi: “Massimiliano, Ugo o Ciro”

Marta: “Sono incinta! … ma è che non sono sicurissima che sia tuo!” Gaetano: “Ma come… e di chi è? Il ragazzo del romanzo?” Marta:“Si”

Gaetano: “Ma mettiamo che questo figlio… cioè… mettiamo che io ‘sto figlio… Cioè, come lo chiameremmo? ”
Marta: “Mah… io non ci ho ancora pensato. Massimiliano? ”
Gaetano: “No no no no, per carità, quale Massimiliano!? No, guarda, lo chiamiamo. cioè… si se decide che ‘sto figlio è… cioè che può., cioè… io avevo pensato: Ugo! ”
Marta“Come tuo padre? ”
Gaetano: “Si, ma non per mio padre… cioè a me non me ne importa proprio di questa cosa. No, è propria perché accussì ‘o guaglione vene cchiù educato. ”
Marta “Ma perché? Massimiliano…? ”
Gaetano: “Massimiliano vene scostumato. Cioè… niente, lo so… È proprio il nome che è scostumato”.
Marta: “Perché Massimiliano”…

Gaetano: “Per esempio, questo ragazzo sta vicino alla mamma… questo ragazzo si muove per andare a qualche parte? La mamma prima di chiamare Mas-si-mi-lia-no, il ragazzo già chissà dove è andato, chissà cosa sta facendo! Non ubbidisce, perché è troppo lungo”!
Gaetano: “Invece Ugo, quello come sta vicino alla mamma e sta per muoversi: Ugo! Il ragazzo non ha nemmeno il tempo di fare un passo. Ugo!, e deve tornare per forza, perche lo sente, il nome”.
Gaetano: “Al massimo, proprio… ecco… volendo lo potremmo chiamare Ciro. È più lungo, ma proprio per non farlo venire troppo represso… Però Ciro tiene il tempo di prendere un poco d’aria… “.


Curiosità: Via Cavalli di bronzo n. 31, l’indirizzo che il padre di Gaetano dà alla Madonna nella sua supplica serale per ottenere il miracolo della ricrescita della mano, è in realtà l’indirizzo dove la famiglia Troisi si trasferisce nel 1957.

Fonte: Amedeo Colella-manuale napoletano

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.