TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO NAPOLI

Spadafora contro gli ultras fascisti: “Forza Nuova va sciolta. Via il tifo violento dagli stadi, sono personaggi scarsamente intelligenti”

spadafora ultras fascisti

Spadafora attacca gli ultras fascisti e i militanti di Forza Nuova. Il ministro dello sport interviene dopo i tafferugli al Circo Massimo.

La Serie A è pronta a ripartire, dopo il blocco causato dall‘emergenza Coronavirus. La parte neofascista degli ultras italiani insieme ai militanti di Foza Nuova ha deciso di contestare la gestione del Governo dell’emergenza Covid-19.
Gli ultras fascisti sono arrivati al circo Massimo al grido di ‘Duce, Duce’. Tra i presenti, come scrive globalist.it, anche il leader di Forza nuova Giuliano Castellino ed esponenti della curva nord della Lazio.
Tutti con le magliette raffiguranti Diabolik, così come veniva soprannominato il capo degli irriducibili, Fabrizio Piscicelli.
Il capo ultras fu ucciso in un agguato lo scorso anno. Piscitelli era considerato al vertice di un clan criminale che gestiva, tra le altre cose, un traffico internazionale di droga.
Subito dopo è iniziato il parapiglia: una furiosa rissa tra gli organizzatori (i fascisti si sono picchiati anche tra di loro) ha dato il via agli scontri con la Polizia e tentate aggressioni alla stampa.

SPADAFORA CONTRO GLI ULTRAS FASCISTI E FORZA NUOVA

Il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora  ha commentato dalla sua pagina Facebook gli incidenti provocati dagli ultras Fascisti e dagli esponenti di forza nuova:

Condanno fermamente e senza appello gli scontri di ieri al Circo Massimo, animati da Forza Nuova ed alcune frange estremiste dei gruppi ultras. Devastare città, aggredire giornalisti e forze dell’ordine, lanciare insulti e minacce antisemite è quanto di più lontano possa esserci dai valori dello Sport e dalla passione calcistica“.
Spadafora sugli ultras fascisti aggiunge: “Non basta però la condanna. Le formazioni neofasciste nel nostro Paese vanno sciolte, le sedi come Casa Pound liberate e restituite alla cittadinanza. Sono certo che il Questore saprà indicare le sanzioni più dure per chi si è reso protagonista di questa barbarie. Aggiungo che il tifo violento, non avrà nessuno spazio alla riapertura, speriamo presto, degli stadi del nostro Paese: sono già allo studio strumenti avanzati e sanzioni ancor più severe. Ieri abbiamo avuto anche un’altra conferma: le persone che propagano odio e violenza sono talmente accecate e scarsamente intelligenti che finiscono anche per picchiarsi tra loro”.

 

YouTube

Caricando il video, l’utente accetta l’informativa sulla privacy di YouTube.
Scopri di più

Carica il video

Archivi