Salvini vuole Sarri: “Il Napoli favorito per lo scudetto, ma il suo tecnico…”

Salvini vuole Sarri: il politico parla del Napoli e del Milan. Il segretario della Lega Nord non risparmia critiche.

Matteo Salvini, noto tifoso del Milan, ha rilasciato alcune dichiarazioni a  TMW Radio: 

Il segretario della Lega Nord critica il Milan

“Non so cosa ci sia dietro le quinte, soprattutto dopo la decisione dell’esonero del preparatore. La prestazione contro la Sampdoria è stata imbarazzante. Doppiamente imbarazzante vedendo le reazioni in panchina. Una squadra davvero moscia. Potevo essere anche io il mister e non sarebbe cambiato nulla”.

La sfida con la Roma

“Perché tenere in panchina tutti i nuovi acquisti? E non si può pensare che influisca, ad esempio, se i giocatori mangino carne o pesce. Contro Sampdoria e Lazio non abbiamo visto palla e se continua così contro la Roma dovremmo andare allo stadio con il pallottoliere. Mi auguro soltanto che, se queste criticità dovessero continuare, già a novembre si prendano provvedimenti seri”.

Il mercato faraonico del Milan

“Mercato? gli anni scorsi la campagna acquisti è stata ridicola. Sono stati presi giocatori che mio figlio al Fantacalcio avrebbe pagato -1! Fortunatamente quest’estate la situazione è stata migliore, ma allo stesso tempo le responsabilità sono aumentate vedendo il livello dei nuovi. Abbiamo fatto bene contro squadre da terza categoria, mentre contro gruppi organizzati non abbiamo visto palla. Sarebbe un disastro per noi arrivare settimi o ottavi”.

La ramanzina di Fassone

“Fassone ha fanno benissimo da Genova ad ammonire tutti quanti, dal mister ai ragazzi che vanno in campo. Prendono stipendi da capogiro e non possono permettersi certe figure. Senza fare demagogia, i giocatori devono tirare fuori le palle! 

Salvini vuole Sarri

“Per lo scudetto vedo favorito il Napoli di Sarri che avrei voluto vedere al Milan. Sono cresciuto a pane, Baresi e van Basten quindi il confronto tra lui e Sacchi ci sta. Magari Sarri non è imbellettato, ma è efficace e in panchina sa leggere le situazioni”. 

Archivi