Le IntervisteTutto Napoli

D’ANGELO : “Quella volta in cui Maradona mi chiamò e mi lasciò a bocca aperta. Poi racconta del pentimento di Higuain…”

Bella intervista di Nino D’Angelo sul Napoli. Il cantante ha parlato alla gazzetta: “quella volta in cui Maradona mi chiamò e mi lasciò a bocca aperta.”

NAPOLI – Nino D’Angelo ha rilasciato una lunga intervista alla gazzetta dello sport, ecco quanto evidenziato

Nino D’Angelo sul Napoli

«Dalla musica ho avuto un grande regalo: sono stato rivalutato, riscoperto, diciamo pure capito. Se potessi, troverei io una alternativa per Napoli, una speranza, un lavoro per chi è costretto ad andare via. Quello che chiedo al Napoli, invece, lo potete immaginare, ma voglio essere ingordo: portatemi pure la Champions

Sei motivi per cui questo è l’anno buono?

«Iniziamo dal bel calcio, forse il migliore in Europa. Poi l’attacco devastante, la difesa solida, la capacità di vincere partite difficili come contro la Spal e contro dirette concorrenti come la Lazio. Ultimo, Sarri: è speciale e ha fatto la nostra fortuna. Fa esattamente quello che pensa e che dice, tira avanti per la sua strada. Poi viene dal basso, è uno “senza giacca e cravatta”»

Nino D'Angelo sul Napoli. Il cantante ha parlato alla gazzetta: "quella volta in cui Maradona mi chiamò e mi lasciò a bocca aperta."

Cosa porta uno slovacco a identificarsi così tanto con la città?

«Ma perché se la conosci davvero, da Napoli non te ne vai più via. Ti entra nelle viscere: chi non l’ha mai vissuta, fa prevalere una immagine distorta. Anche se i problemi sono tanti».

Lei come ha vissuto l’affare Higuain un anno fa?

«Esiste l’amore, ma pure lo stipendio e la carriera: non penso che altri al suo posto avrebbero fatto diversamente. Di certo ha fatto un errore perché un amore così grande non lo troverà più, anzi per me si è pentito».

Non è che Diego è stato troppo amato da Napoli?

«Era il migliore di tutti ed è venuto da noi: è come se fosse sceso sulla Terra per cambiare la nostra storia. Adesso c’è una squadra e non un solo giocatore che ci emoziona, ma Maradona non si può discutere. Una volta eravamo su un campo di calcio e mi disse: “Guarda che faccio?”. Prese la traversa uno, due, tre, quattro volte. Eravamo tutti a bocca aperta».

Anche solo per un momento ha mai “maledetto” il fatto di essere nato a Napoli?

«No, i momenti di sconforto esistono ovunque. Io qua vorrei rinascere e qua voglio morire. In mezzo a questa contraddizione vivente: Napoli è la passione nel volto della gente che non vince mai. Per questo, servirebbe un altro riscatto col calcio».

Hai trovato interessante l’articolo? Condividilo sui social

TUTTO SUL NAPOLI

LA STORIA DI NAPOLI

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per seguirci su Twitter

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.