News VAR: si pensa a una cabina di regia con un team di esperti!

News VAR: si pensa a una cabina di regia centralizzata. L’ Aia sta valutando la possibilità di istituire un team composto da ex arbitri esperti.

[better-ads type=”banner” banner=”81855″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”left” show-caption=”1″][/better-ads]

News in arrivo per il Var si pensa a una “cabina di regia” centralizzata con un team di esperti per ridurre le polemiche e le critiche del nuovo strumento. L’ idea nasce proprio dall’ esperienza dei mondiali in Russia 2018 e posta ora all’ attezione dell’ Aia.

La ” cabina”

Lavori in corso per il Var che, dopo il clamoroso contatto tra D’Ambrosio e Zaniolo. è tornato nuovamente al centro di critiche e polemiche, sia per la mancanza di equità nella valutazione degli episodi, sia per il protocollo. Due nodi importanti da sciogliere per l’Aia, che ora starebbe valutando la possibilità di istituire una “cabina di regia” centralizzata per garantire omogeneità alla video assistenza, come in Russia 2018. Una sorta di team speciale, composto solo da ex arbitri di grande esperienza.

L’ idea da Russia 2018

L’idea, interessante, prenderebbe spunto dalla felice esperienza del Var ai Mondiali. Previa autorizzazione della Fifa, l‘Aia starebbe pensando di staccare un gruppo di addetti alla video assistenza, centralizzando le operazioni di controllo e valutazione. Una sorta di squadra speciale, in cui far confluire anche i direttori di gara che hanno appena lasciato il campo per motivi anagrafici e che possano garantire al team grande esperienza nella valutazione degli episodi dubbi. Un po’ quello che da qualche tempo chiedono a gran voce un po’ tutte le squadre di Serie A.

[better-ads type=”banner” banner=”81550″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Altre modifiche

Tra le modifiche al vaglio dell’Aia, infatti, ci sarebbe anche un importante aggiustamento al protocollo della video assistenza, con l’allargamento del raggio di azione del Var dai soli falli di mano in area ai contatti bassi e ai body check. Dunque, un cambiamento cruciale per evitare nuove bufere e fornire maggiore supporto al direttore di gara. Dopo le polemiche, il Var del futuro prende forma.

Altre storie
Pedullà: “Lasagna al Napoli? non scommetto. Giuntoli ha fatto un solo errore