GAZZETTA- Napoli, spogliatoio spaccato. Ecco quali sono i giocatori coinvolti

Napoli spogliatoio spaccato

Lo spogliatoio del Napoli è spaccato in quattro gruppi. Molti sono i giocatori coinvolti in questo caos. Ogni gruppo rivendica qualcosa.

Squadra in crisi, spogliatoio diviso, dirigenza furiosa. E De Laurentiis di nuovo sul piede di guerra per il ritiro interrotto.
Gattuso ha totalizzato 4 sconfitte nelle ultime cinque giornate. Al San Paolo i partenopei hanno totalizzato 11 punti nelle 10 partite disputate. Gli azzurri sono reduci da quattro sconfitte di fila a Fuorigrotta.

Hanno vinto solo 3 volte con Sampdoria, Brescia e Verona. Al di là dei risultati, a inquietare è il comportamento dei giocatori che non solo rendono poco in campo, ma che auto sospendono il ritiro che si erano imposti in accordo con Gattuso.

Decisione che ha irritato il presidente De Laurentiis. Nulla d’innovativo, dunque, se non il ripetersi di un film già visto, da queste parti.

SPOGLIATOIO DEL NAPOLI SPACCATO IN QUATTRO GRUPPI

Secondo la Gazzetta dello sport, alla base della crisi del Napoli ci sarebbe uno spogliatoio spaccato, diviso in quattro fazioni:

All’interno dello spogliatoio del Napoli si sono formate delle fazioni che non aiutano il lavoro dell’allenatore.
Da una parte, ci sono alcuni senatori (Callejon, Mertens, Allan, Koulibaly), dall’altra invece ci sono gli stranieri, coloro che rivendicano il prolungamento del contratto (Milik, Maksimovic e Zielinski).
Qualcun altro è distratto dalle voci di mercato (Fabian Ruiz e lo stesso Koulibaly), mentre i più giovani e gli ultimi arrivati (Meret, Di Lorenzo, Lozano, Elmas, lo stesso Luperto) sono stati travolti dalla gran confusione che ha preso il sopravvento nello spogliatoio.
E’ vero che la speranza è l’ultima a morire, ma la società sta già correndo ai ripari sul mercato. Intanto, Giuntoli e De Laurentiis stanno già pianificando la rivoluzione di giugno”.

Archivi