LA GAZZETTA: “Milik non convince, Ancelotti studia le alternative”. I dettagli

Milik non convince, Ancelotti studia le alternative

Milik non convince ancora appieno in attacco. Per mal di gol del Napoli Ancelotti sta cercando la formula giusta per l’attacco, che negli ultimi anni è stato a dir poco esplosivo. 

  • 15  le marcature di Arkadiusz Milik con la maglia del Napoli: 11 in campionato e altre 4 nelle coppe europee.
  • 74  le reti realizzate da José Callejon con la maglia del Napoli: 57 in Serie A, 6 in Coppa Italia e 11 nelle coppe europee.
  • 64 i gol messi a segno da Lorenzo Insigne con il Napoli: 49 in Serie A, 5 in Coppa Italia e 10 nelle coppe europee.
  • 91 le reti realizzate da Dries Mertens con il Napoli: 69 in campionato, 5 in Coppa Italia e 17 nelle coppe europee.

MILIK NON CONVINCE ANCORA

Secondo l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, Ancelotti sta cercando la formula giusta per la prima linea del Napoli, che negli ultimi anni è stata a dir poco esplosiva.

Nove reti nelle prime tre giornate negli ultimi due anni di Sarri, cinque fin qui con Carletto: nulla di cui preoccuparsi anche se a Marassi gli azzurri sono rimasti a secco.

Milik, autore del primo gol stagionale, non ha convinto ancora appieno, ma è attorno al polacco che sono cambiati per adesso moduli ed interpreti senza trovare una formula che sia quella definitiva.



MAL DI GOL

Strano ma vero, proprio i tre attaccanti di destra sono rimasti a Castel Volturno a lavorare insieme, tanto che Ancelotti li sta impiegando in maniera atipica per gli «11 contro 0». Del resto, senza Milik – e Mertens – manca una vera punta centrale.

Per questo la soluzione di emergenza si chiama 4-2-3-1 con tanti fantasisti alle spalle di un unico terminale. Potrebbe essere la medicina al piccolo «mal di gol» emerso contro la Samp. Un sistema per impiegare quattro attaccanti e tenerne un paio in panchina pronti a subentrare e magari a cambiare volto alla squadra in corso d’opera.

La mossa ha funzionato in toto contro il Milan, vedi gol di Mertens del 3-2, ed in parte con la Samp, quando Ounas ha messo in ambasce la difesa blucerchiata. Ecco perché Ancelotti spesso calerà il poker lì davanti. Lo farà tenendo due mediani a protezione della difesa, magari Allan e Diawara, gli unici centrocampisti in questi giorni in sede.