Calcio Napoli

Diego Armando Maradona jr diventa argentino: “Sogno di allenare il Napoli”

Diego Armando Maradona jr figlio del Pine de Oro ha ricevuto oggi la cittadinanza argentina

Diego Armando Maradona jr figlio del Pibe de Oro è argentino, oggi ha ricevuto la cittadinanza: “E’ un sogno”.

Si avvera un sogno per Diego Armando Maradona jr, oggi ha ricevuto la cittadinanza argentina. Il figlio del Pibe de Oro a gianlucadimarzio.com ha detto: “Ho sempre saputo di essere al 50% napoletano e 50% argentino“. Il figlio di Maradona ha definito quanto accaduto come un “sogno che si avvera, lo aspettavo da una vita intera“. Il riconoscimento è arrivato quattro mesi dopo la scomparsa prematura di Diego Armando Maradona ed in concomitanza con il lancio della Campagna Internazionale per il Diritto all’Identità, promossa dal governo argentino e iniziata lo scorso mercoledì 24 marzo.

Diego Armando Maradona jr da nuovo argentino ha parlato al portale del giornalista di Sky Gianluca di Marzio. L’idea è quella di fare il calciatore e lo dice chiaramente: “Voglio fare l’allenatore, studiare e prepararmi per farmi trovare pronto quando ci sarà l’opportunità di allenare una squadra. Il mio sogno è allenare il Napoli, ma ovviamente so che la strada è ancora molto lunga“. Proprio del momento del Napoli ha parlato Maradona che ha detto: “Sono molto felice che il Napoli stia riprendendo a correre. Prima di tutto se lo merita il mister perché è stato oggetto di critiche vergognose. La squadra deve lottare per grandi obiettivi– ha proseguito Diego Junior – siamo stati forse quelli più penalizzati dagli infortuni, per un periodo abbiamo giocato con quattro difensori di ruolo. Per tanti mesi poi sono mancati prima Mertens, poi Osimhen e adesso Petagna. Oggi però il Napoli è una squadra forte, che sta dando dimostrazione del proprio valore“.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.