De Laurentiis: “Ancelotti signor allenatore, nessun processo al Napoli”.

Le parole di De Laurentiis dopo la sconfitta del Napoli contro la Samp. Il presidente difende squadra e allenatore.

Le parole di De Laurentiis dopo la sconfitta del Napoli contro la Samp. Il presidente difende squadra e allenatore.

DE LAURENTIIS PARLA A KK NAPOLI

Aurelio De Laurentiis è intervenuto ai microfoni di Kiss Kiss Napoli, per spiegare i motivi della sconfitta del Napoli a Marassi. Il presidente così come fece con Sarri, difende a spada tratta Ancelotti e i suoi ragazzi, poi bacchetta la Uefa per la questione sorteggi.

LA POSIZIONE DI ANCELOTTI

“Ho sempre detto che le prime partite sarebbero state di conoscenza ed adattamento da parte di un allenatore che manca in Italia da tanti anni. Abbiamo un allenatore che ha vinto tantissimo, ma anche lui ha bisogno di tempo. Mi scuso con i tifosi che vogliono subito vincere e dopo le prime due giornate avevano fatto la bocca buona, io invece mi attendevo qualche inciampo, bisogna attendere almeno 8-9 giornate per dare un’impronta alla squadra.  Non faremo nessun processo, siamo sereni e siamo consapevoli di essere una delle migliori società d’Europa”.

C’è poi da considerare che ci sono anche calciatori nuovi, Ancelotti è un signor allenatore e nessuno può metterlo in dubbio, non c’è poi soltanto il Napoli ci sono anche le altre squadre che hanno cambiato giocatori ed allenatori”.

“Se noi avessimo preso Ronaldo e non avrebbe segnato dopo tre gare sarebbe successo un dramma, invece la forza della Juventus è quella di affrontare tutto con serenità. La napoletanità è il massimo dell’emotività e non potrebbe essere altrimenti perchè noi viviamo su una terra che ribolle dalla Solfatara al Vesuvio.

CON OUNAS SI E’ VISTO UN ALTRO NAPOLI

Ounas? E’ stata un’intuizione di Giuntoli che lo scorso anno mi disse di acquistare un ragazzo per rompere le partite che non riescono a sbloccarsi. Ancelotti ieri ha cercato di sbloccare la partita con un signore che ci ha fatto vedere cose egregie nella prima parte.

DRIES MERTENS

Mertens? Ancora non lo vedo in splendida forma, deve rifare il fiato dopo un’estate in cui ha lavorato tantissimo. Ci farà sicuramente vedere la sua classe. Io sono molto tranquillo, non bisogna fare i paragoni con le precedenti stagioni, noi abbiamo svoltato, dobbiamo essere lungimiranti con un allenatore che ci farà crescere nel tempo. Io l’altro anno ho perso 15 milioni, forse quest’anno ne perderò 25, ma sono tranquillo perchè si tratta di anni d’investimenti e crescita, gli olandesi hanno scritto che il Napoli è la squadra che è cresciuta di più nel mondo negli ultimi 15 anni”.



IL GIRONE DI CHAMPIONS

“Girone Champions? Ci sono rimasto male solo di una cosa, vorrei farmi spiegare dall’UEFA perchè il Liverpool era in terza fascia dopo aver disputato una finale di Champions la scorsa stagione. Sono casi strani, il sorteggio è un po’ un teatrino che avviene a Montecarlo.

Il Liverpool in terza fascia è un’anomalia clamorosa. Siamo in un girone difficile, ma se dobbiamo vincere è meglio farlo contro le grandi squadre, facciamoci queste partite e valuteremo pure un grande allenatore come Ancelotti che in Europa è il migliore”.

KOULIBALY

“Rinnovo Koulibaly? Era nelle nostre intenzioni, non volevamo cederlo, si tratta di uno dei migliori centrali al mondo e trovarlo uno così sarebbe stato difficile.

FERRERO E GLI SFOTTO’

Le parole di Ferrero? Sono contento per lui, mi ha fatto meno dolore perdere con lui che con qualcun’altro. Con Ferrero lo sfottò è continuo e quotidiano, va bene così, i conti si fanno alla fine.