napolipiu.com
Calcio Napoli e cultura Napoletana: Ecco il sito che parla la tua lingua

Una storiella Napoletana della metà del 700

 

Una storiella Napoletana

Quando la religione diventava foga inquisitoria, i napoletani rispondevano a modo loro.

Di: Gabriella Cundari

Verso la meta’ del Settecento, presso la basilica di Santa Maria della Sanità (o popolarmente San Vincenzo alla Sanità), durante lo svolgimento dei riti del Venerdì Santo, un predicatore, parlando dell’agonia di nostro Signore Gesù Cristo, brandendo un crocefisso, con l’aria di un pubblico accusatore, accusava i fedeli di essere stati loro, come peccatori, ad aver forato mani e piedi del Cristo, che gli avevano inferto il colpo nel costato, che gli avevano calzato in testa la corona di spine e lo avevano flagellato con i loro peccati .

Preso dalla foga della predica, l’oratore, in modo maldestro, avvicino’ il crocifisso ad una candela accesa , al che, uno dei fedeli , alzandosi in piedi, grido’:“Mo abbrusciale pure’a barba e po’ dice ca so’ stat’ije!”

Una storiella Napoletana come ce ne sono a centinaia, ma che mostra tutta l’ironia di un popolo mai domo.

 

lo sapevi che? Il Colera e re Umberto a Napoli cancellano ogni memoria della trama greca

CONSIGLIATI PER TE

Napolipiu.com rispetta la tua privacy. Noi e i nostri partner utilizziamo, sul nostro sito, tecnologie come i cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare il nostro traffico. Facendo clic di seguito si acconsente all'utilizzo di questa tecnologia. Puoi cambiare idea e modificare le tue scelte sul consenso in qualsiasi momento ritornando su questo sito. Accetto Leggi di più