QUAGLIARELLA SI FERMA A NAPOLI. KOULIBALY MAESTOSO

QUAGLIARELLA SI FERMA A NAPOLI. KOULIBALY MAESTOSO

Il freddo, la Juventus lontana e la sconfitta con il Milan condizionano una bella sfida tra Napoli e Sampdoria questa sera al San Paolo: seconda e sesta forza del campionato a confronto.

[better-ads type=”banner” banner=”105133″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

 

Ci sono De Laurentiis e Ferrero sugli spalti, manca il pubblico.
Tornano Quagliarella (a caccia di record), Rafael, Tonelli e Gabbiadini a Fuorigrotta; Malcuit, Albiol e Mertens sono in panca. Giampaolo lancia Defrel, l’attaccante francese che spesso ha castigato spesso gli azzurri. Oggi resta a secco e fuori dopo un’ora.

Bel match, funziona l’asse di sinistra Mario Rui-Zielinski ma la gara è inchiodata sul pari per i primi 25 minuti.

Il Napoli la sblocca a seguire e la fa sua in meno di 100 secondi con due gol bellissimi: Milik col sinistro e Insigne col destro stordiscono l’estremo difensore doriano Audero. Hamsik è sontuoso, il
centrocampo è ordinato pieno di idee. Callejon è nuovamente brillante.

QUAGLIARELLA SI FERMA A NAPOLI

La gara prende una piega azzurra, la Samp è ko. Abbracci tra Ancelotti e Insigne.
Napoli finalmente splendido, Quagliarella ci ha provato ma Koulibaly è sempre attento. Si ferma Fabio, proprio a Napoli, niente record ma tanti applausi. La gara resta inchiodata sul 2-0 senza grandi sussulti e pericoli per i due portieri fino al 90º, c’è gioia per Verdi che torna al gol su rigore.

KOULIBALY MAESTOSO

Kalidou Koulibaly maestoso, difende ed attacca, ha cercato il gol stasera ma lo manca di un soffio per ben due volte, Hamsik raccoglie grandi applausi all’uscita dal campo.
Napoli, secondo in campionato, lontano da Juventus e Inter, aspetta l’Europa League: ultima e unica gioia della prima stagione in azzurro per Ancelotti.

di Giuseppe Libertino