Rassegna StampaTutto Napoli

CDS Napoli su Verdi. De Laurentiis lo vuole regalare a Sarri. Ecco come

Napoli su Verdi, partita la proposta ufficiale. Il giocatore ha scelto per adesso di rimanere a Bologna ­ no a giugno. Ha diversi estimatori, la Roma sopra le altre ma il presidente azzurro ha deciso che questo è il momento. De Laurentiis lo vuole regalare a Sarri.

Verdi, partita la proposta ufficiale

Il mercato è cominciato, scrive il Corriere dello Sport, dopo Ciciretti (24 a San Silvestro), Machach (22 alla vigilia dell’Epifania) e Younes (24) c’è qualcos’altro da fare, possibilmente standosene nell’ombra o venendone fuori con tempismo, per sfuggire all’asta, per non ritrovarsi ingabbiato in giochini fastidiosi. E per portarsi un po’ di lavoro avanti, per anticipare la concorrenza, per togliersi anche qualche pensiero, De Laurentiis se ne è stato al cellulare (nei giorni scorsi) ha telefonato a Fenucci e al management di Simone Verdi (25), s’è fatto sentire per dimostrare che tutto ciò che si sussurra dalle parti del Vesuvio è vero: al Napoli piace, e parecchio pure, quel «genietto» che sa fare varie cose, il trequartista, la punta esterna e ciò che potrebbe chiedergli Maurizio Sarri, ed ha cominciato a lavorare ai fianchi di tutti per riuscire a strappare un sì.

Verdi resterà a Bologna poi a giugno si vedrà

C’è stato un momento in cui la trattativa ha dato l’impressione di poter decollare, ma Verdi ha scelto di suo ed ha imposto una frenata: ­ no a giugno resterà a Bologna, poi, a campionato concluso, si vedrà. Il Napoli sa che dovrà sfidare (soprattutto) la Roma, che dovrà fronteggiare il pericolo di nuove ingerenze (l’Inter?), che in sei mesi può accadere di tutto: intanto, con il Bologna s’è parlato di soldi e con il procuratore, Donato Orgnoni, si avrà modo poi di chiacchierare. Ma la proposta è partita ufficialmente. Adesso non resta che aspettare Continuando il lavoro ai ­ fianchi.

 

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.