Calciomercato Napoli

Trattativa Napoli-Torino: Cairo infastidito, il Napoli offre 40 milioni per Buongiorno ma è troppo poco

Il presidente del Torino Urbano Cairo non intende fare sconti per il difensore Alessandro Buongiorno, richiesti almeno 55 milioni.

NOTIZIE MERCATO NAPOLI. Nel cuore della finestra di trasferimento estiva, il Napoli di Antonio Conte è determinato a rafforzare la sua difesa e ha individuato in Alessandro Buongiorno del Torino il perno attorno a cui costruire il futuro. Ma la strada verso l’acquisto del difensore granata si presenta impervia, con il presidente Urbano Cairo che respinge le prime avvisaglie partenopee.

Secondo fonti vicine alla trattativa, il Napoli avrebbe avanzato un’offerta iniziale di 40 milioni di euro per Buongiorno, ma Cairo non sembra intenzionato a concedere uno sconto per il gioiello della sua difesa. Il presidente del Torino, secondo quanto riferito, avrebbe ribadito ai rappresentanti partenopei che il giocatore non è in vendita per meno di 55 milioni di euro.

Questa mossa, da parte del Napoli, testimonia l’ambizione di Conte nel rimodellare la squadra azzurra per la prossima stagione, puntando su giocatori di qualità come Buongiorno. La richiesta di Cairo potrebbe rappresentare un ostacolo significativo per il club campano, che dovrà valutare attentamente la strategia da adottare nelle prossime fasi della trattativa.

La situazione è in costante evoluzione e il Napoli è determinato a continuare a lavorare per raggiungere un accordo con il Torino. Resta da vedere se le parti riusciranno a trovare un terreno comune, o se la richiesta di Cairo si rivelerà un ostacolo insormontabile per il trasferimento di Buongiorno al Napoli.

Resta sempre aggiornato sulle ultime notizie riguardanti il calcio Napoli e la cultura napoletana. Napolipiu.com è stato scelto anche dal nuovo servizio di Google News, quindi se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie, seguici su Google News.

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.