TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO NAPOLI

La rivoluzione estiva che programma il Napoli

La rivoluzione estiva che programma il Napoli

La rivoluzione estiva del Napoli riguarderà principalmente il pacchetto avanzato a disposizione di Gattuso, che potrebbe essere completamente rivoluzionato.

Non è stata una stagione in linea con le aspettative quella del Napoli, questo è poco ma sicuro. Se la prima metà di questa annata è stata davvero da dimenticare, con un percorso zeppo di passi falsi ed una distanza dalle posizioni ambite – e alle quali i partenopei si erano abituati negli ultimi anni – sempre più pronunciata, va anche riconosciuto il lavoro di Gattuso sul gruppo a sua disposizione.

Convinto da De Laurentiis a subentrare all’esonerato Ancelotti, “Ringhio” ha riscontrato un primo periodo di difficoltà ma poi è riuscito a ricompattare la squadra, e nell’ultimo periodo il Napoli stava recuperando posizioni in classifica: certo, ad oggi la posizione occupata è la sesta e la Champions League è un miraggio lontano, ma bisogna analizzare anche gli aspetti positivi. Gli azzurri sono in ripresa (quattro vittorie nelle ultime cinque) ed hanno vinto il match d’andata di semifinale di Coppa Italia, in casa dell’Inter.

I punti fermi

Questo lo scenario nel momento in cui il campionato è stato interrotto a causa del Coronavirus. La ripresa della competizione è in bilico, ed è seguita con attenzione sia dai sostenitori delle varie squadre che dagli appassionati del gioco: ormai anche nelle scommesse sportive si può depositare con PayPal ed il gioco online è sempre più diffuso e coinvolgente. Indipendentemente dall’esito di questa stagione però, di cui si sta discutendo parecchio in queste settimane vagliando tutte le ipotesi, il Napoli sembra pronto ad attuare una vera e propria rivoluzione di mercato.

La futura sessione estiva potrebbe infatti modificare fortemente il volto della attuale rosa, che per gran parte dei suoi interpreti sembra arrivata da un punto di separazione necessaria con la piazza dovuta alla fine di un ciclo o alla mancata integrazione. Le intenzioni della società sono però quelle di ripartire da alcuni punti fermi, in mezzo ai cambiamenti generali: il primo tra tutti è proprio il tecnico, Gennaro Gattuso. Il lavoro tattico ma ancor prima quello umano che l’allenatore ha svolto sulla rosa a disposizione sembra aver davvero convinto il club a prolungare la fiducia riposta in lui. Il Napoli ripartirà da Gattuso il prossimo anno.

E per quanto riguarda il campo? Non sembrano essere particolarmente intaccati, come reparti, la difesa e il centrocampo: certamente come andremo ad analizzare anche tra queste schiere sono presenti volti storici che appaiono con la valigia in mano, o che potrebbero diventarlo, ma non si tratta comunque di operazioni che complessivamente andranno a rifondare completamente questi due reparti.

C’è poi la questione Mertens, che appena pochi mesi fa sembrava quasi certo di partire: a gennaio è stato infatti vicino più che mai all’addio, ma alla fine è rimasto al San Paolo. E proprio lì, adesso, il belga sembra intenzionato a restare ancora: da probabile partente a punto fermo, è questo il percorso che potrebbe compiere Mertens, che ad oggi sembra il giocatore del reparto offensivo partenopeo meno vicino all’addio.

La rivoluzione

La rivoluzione infatti riguarderà principalmente il pacchetto avanzato a disposizione di Gattuso, che potrebbe essere completamente rivoluzionato. Se la situazione del capitano Insigne è in bilico – anche in questo caso un rapporto ricucito con la piazza, ma screzi che rimangono con la società – sembra piuttosto chiara la strada che imboccheranno gli altri componenti del reparto.

Milik ha sorpreso e deluso: la sua condizione fisica non sembra poter fornire sufficienti garanzie per affidargli totalmente la guida dell’attacco. Avventura al capolinea invece dopo quasi sette anni per Callejon, certo di lasciare la Campania al termine della stagione; quasi certa una sorte simile, anche se dopo un solo anno, per Llorente e Lozano. Spera invece Younes di poter godere di maggiori chance per mettersi in mostra.

Per quanto riguarda l’attacco va ricordato che il Napoli, programmando la prossima stagione, ha già acquistato Petagna della Spal. Relativamente agli altri reparti, parlando di uscite, è quasi certo l’addio di Allan a centrocampo mentre crescono le probabilità di una cessione di Koulibaly per quanto riguarda la difesa. Ma come detto in precedenza, si tratta di volti isolati all’interno di reparti che paiono complessivamente confermati.

Archivi