Calcio Napoli

De Nicola: “Ho detto no alla Juventus. Mi sono pentito amaramente di lasciare il Napoli”

Alfonso De Nicola ex medico sociale del Calcio Napoli ha rilasciato lacune dichiarazioni sulla squadra azzurra

Alfonso De Nicola, ex medico sociale del Calcio Napoli, è intervenuto ai microfoni del portale le lebombedivlad.it.

De Nicola sul ritorno al Napoli

“Non so se hanno bisogno di me. Hanno sicuramente bisogno di una persona che si è comportata come me in questi anni. Ho lasciato perdere tutto di me stesso per dedicarmi esclusivamente alla società. Sono sempre disponibile a tornare, ma è chiaro che adesso sono una persona diversa. Vengo da due anni di sofferenze atroci. E’ stato molto complicato stare lontano dall’ambiente Napoli per due anni”.

E’ vero che alcuni calciatori del Napoli ancora la chiamano?

Non è vero. Anzi, sono rimasto anche male che non ci si sia stata alcuna telefonata in questi anni. Forse è stato un volere anche di altre persone. Con alcuni avevo un rapporto profondo, non ho mai trascurato nessuno. Quando un calciatore veniva a Napoli, ci instauravo sempre un ottimo rapporto“.

Sul rapporto con il presidente De Laurentiis

“Ci sentiamo ogni tanto, è l’unica persona con cui mi sono sentito”.

Sull’infortunio di Mertens e le cure in Belgio:

“Dries è un nazionale belga e quindi è libero di fare tornare al suo Paese per farsi curare. Ma noi abbiamo delle professionalità in Italia difficili da trovare altrove. La riabilitazione vera si fa in Italia”.

La società può imporsi nell’impedire un calciatore a farsi curare all’estero?

“Quando ero al Napoli, mi è capitato spesso di far seguire alcuni calciatori individualmente da miei collaboratori. Giovanni D’Avino ad esempio seguì Pepe Reina in occasione di un suo problema fisico. In occasioni come queste, il collaboratore mi teneva informato dettagliatamente, anche perché io avevo da seguire il resto del gruppo”.

E’ vero che lei è stato contattato da diversi club alla fine della sua esperienza al Napoli?


“Sì. Ma anche prima che il mio rapporto con il club arrivasse al capolinea. Ci sono state 3 o 4 società importanti che mi hanno chiamato all’epoca, nell’ambiente già si sapeva del mio addio al club. Mi sono pentito amaramente di lasciare il Napoli. Ci sono cresciuto con questa società, la sento in qualche modo anche mia. Non mi ci sarei mai visto da altre parti
”.

Anche la Juventus l’ha contattata?

“Sì, è vero. Ho pensato sempre che lo facessero non con una certa convinzione. Lo dissi a mio figlio che mi disse ‘papá ma dove vai?’. Non sarei mai andato alla Juventus.”

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.