ULTIME NOTIZIE SULL'EMERGENZA CORONAVIRUS

Coronavirus, in Campania si muore di meno. Numero di decessi basso. Lo scenario fa ben sperare

Coronavirus, in Campania si muore di meno. Scenario che fan ben sperare

Coronavirus, in Campania si muore meno rispetto ad altre zone d’Italia. Si registra la percentuale più bassa di decessi nella nostra Regione.

In  Campania si muore meno per infezione da Coronavirus. I dati della protezione civile lanciano una piccola speranza per la popolazione della nostra regione.

L’emergenza da COVID-19 secondo quanto riporta l’edizione on line del Corriere del Mezzogiorno fa registrare in Campania il minor tasso di mortalità:

CORONAVIRUS, IN CAMPANIA SI MUORE DI MENO

La Campania, nella non privilegiata classifica sulla letalità provocata dalla epidemia da coronavirus, presenta la percentuale più bassa di decessi: il 2.7.
Un indicatore che associato a quello relativo ai ricoveri in terapia intensiva.
La regione regione Campania vanta il numero minore di posti occupati, 22, in rianimazione. Questi dati ontribuiscono a disegnare uno scenario che fa ben sperare per le prossime settimane, quando tutti gli esperti concordano che arriverà il picco massimo di contagiati.

Rispetto alle 1420 vittime registrate in Lombardia, le 9 della Campania, come ha riportato la Protezione civile nazionale nell’aggiornamento del bollettino di ieri pomeriggio, segnano una prospettiva di medio termine, nella lotta alla diffusione del Covid-19, più gestibile sul fronte sanitario“.

TEST RAPIDI PER COVID

“La Regione ha acquistato una serie di test rapidi per Covid-19, che consentono di avere «un risultato in 15 minuti sull’eventuale positività del paziente, e che saranno utilissimi nella gestione dell’emergenza».

In cosa consiste il nuovo test che potrebbe ampliare lo spettro operativo dello screening per il Coronavirus?

Il paziente arriva in ospedale oppure  viene soccorso dal 118. Viene sottoposto ad un test veloce, analogo alla puntura sul polpastrello che si fa per il controllo glicemico.

In pochissimo tempo si ha il risultato delle immunoglobuline M per capire se c’è una infezione in corso ed orientare l’accesso alle cure“.

Archivi