TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO NAPOLI

Coppa Italia: Napoli-Inter e Juve-Milan, cambia l’orario delle partite

cambio orario coppa italia napoli inter

Le gare di Coppa Italia Juventus-Milan e Napoli-Inter previste per il 12 ed il 13 giugno subiranno un cambio di orario: si comincia alle ore 21.

Ci sarà un piccolo cambio di orario per i match di Coppa Italia Juve-Milan e Napoli-Inter. Le partite erano previste inizialmente alle 20.45, mentre secondo quanto rivelato da Gazzetta dello Sport i match si disputeranno alle 21.00, resta invariata la data. Dunque la semifinale di Coppa Italia Juventus-Milan si giocherà venerdì 12 giugno 2020 alle 21, mentre la seconda semifinale Napoli-Inter andrà in scena sabato 13 alle ore 21.00. Per questi orari deve arrivare ancora l’ufficializzazione, che ci sarà in giornata.

Il Napoli riparte dal risultato di 1-0 maturato a San Siro all’andata. In quella occasione la squadra nerazzurra poté giocare dinanzi al suo pubblico, mentre a causa dell’emergenza sanitaria al San Paolo si giocherà senza gli spettatori. Un fattore da non sottovalutare, soprattutto in un catino infuocato come quello di Fuorigrotta.

Coppa Italia: cambia l’orario ed il format

Per le semifinali di Coppa Italia c’è anche un altro grande cambiamento ovvero non ci saranno i tempi supplementari. In caso di parità si andrà direttamente ai rigori. I supplementari sono stati eliminati secondo la richiesta delle società, preoccupate dalla ripartenza dopo il lungo stop. Tutte le squadre dovranno affrontare un vero e proprio tour de force per terminare il campionato, poi ci sarà anche Champions League ed Europa League. Mentre per chi passerà alla finale di Coppa Italia dovrà mettere in programma anche un altro match, da giocare il 17 giugno, ovvero tre giorni prima della ripresa del campionato.

Il cambio di orario della Coppa Italia per Napoli-Inter e Juve-Milan è da vedere anche nell’ottica di giocare in una fascia oraria più appetibile a livello internazionale. La speranza è che le gare possano essere seguite, non solo in Italia ma anche all’estero con possibili ricadute economiche future.

Archivi