Primo PianoSerie A

CLAMOROSO RETROSCENA svelato da Ziliani: “la figlia di carnevali lavora per la Juventus, anche lo stesso Carnevali lavorava con Marotta”

La figlia di Carnevali lavora per la Juventus, assunta direttamente da Marotta. Paolo Ziliani svela il retroscena. Il giornalista  racconta anche che lo stesso Carnevali lavorava con Marotta.

NAPOLI.”La figlia di Carnevali del Sassuolo lavora nella Juve dell’amico Marotta”. A svelarlo è il giornalista Paolo Ziliani sulle colonne del Fatto Quotidiano oggi in edicola.

La figlia di Carnevali lavora per la Juventus

“Brand manager junior specialist. Cosa significhi non sappiamo: di certo si tratta della qualifica con cui è stata assunta alla Juventus Camilla Carnevali, figlia di Giovanni Carnevali, ad del Sassuolo”.

“Che la figlia di Carnevali sia stipendiata dalla Juve e che Politano non sia andato al Napoli magari è casualità. La stessa che ha portato al club di Andrea Agnelli Alberto Pairetto.  figlio dell’ex designatore Pierluigi, squalificato per Calciopoli, come “Event Manager”. 
“Di certo – scrive ancora Ziliani – Politano è almeno il secondo buon giocatore del Sassuolo che non va il un grande club per interferenze dell’altro: era già successo a Berardi, vicino a Inter e Roma senza mai riuscire a farcela”. 

Carnevali lavorava con Marotta

Dopo aver chiarito il rapporto di lavoro della figlia di carnevali con la Juventus, Ziliani parla dell’amministratore delegato del Sassuolo,  che chiama ‘belli capelli’.

Carnevali così viene chiamato nell’ambiente. Ziliani,  vela che tra gli anni 80 e 90 ha lavorato con Marotta e che “ci sarebbe sul suo conto un piccolo problema di conflitto d’interessi se è vero che da un lato è l’ad di un club di A e dall’altro è il patron dell’agenzia di marketing che come si legge sul suo stesso sito “gestisce i principali avvenimenti calcistici nazionali in collaborazione con la Lega di A e B”.  

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.