Calcio NapoliFocus

Napoli e Roma: Ecco le differenze e quanto guadagna chi arriva secondo in serie A

Napoli e Roma le differenze. La sfida è aperta: Azzurri vittoriosi, giallorossi sconfitti. Si riapre la classifica. Ecco quanto guadagna chi arriva secondo in serie A.

Di: Francesco Pollasto

Napoli e Roma le differenze.

Napoli e Roma ancora loro. Tornano a sfidarsi le due capitali. La distanza è di un solo punto (due per gli scontri diretti) a favore dei giallorossi.

La squadra di Sarri è sicuramente più  forte in attacco con 78 gol, contro i 75 della Roma.

I partenopei hanno una media di 2,3 gol a Partita, quella di Spalletti 2,2.

Gli azzurri hanno tirato in porta 588 volte con una precisione del 50%, la Roma ha tirato 594 volte con una precisione del 43%. Questo dato conferma la forza del Napoli sotto porta.

Napoli e Roma: chi è la più corretta?

Il Napoli si conferma la squadra più corretta della Serie A con 347 falli commessi, mentre  i giallorossi ne hanno commessi ben 425 con 57 ammonizioni  e una sola espulsione.

La sfida nel palleggio

Gli uomini di Sarri in questo campionato hanno realizzato ben 22920 passaggi totali, con una media di 674 a partita e una precisione del 87%. In attacco la percentuale scende all’80% con solo 100 cross su azione riusciti.

La Roma palleggia meno: 17558 passaggi totali, 516 passaggi a partita con una precisione del 83%. Anche in attacco la media passaggi è più bassa rispetto ai partenopei 73% mentre migliora notevolmente nei cross su azione ben 143 riusciti.

 Roma e Napoli: chi ha la miglior difesa?

La Roma si conferma più solida nella fase difensiva con 31 gol subiti contro i 35 del Napoli.

La media dei giallorossi è di 0,9 gol subiti a partita mentre quella del Napoli è di 1,0.

Anche sulle palle recuperate la Roma è avanti, sono ben 540 i recuperi capitolini mentre il Napoli è fermo a 368.

Quanto guadagna chi arriva secondo in serie A

 

 Quanto guadagna chi arriva secondo in serie A. Napoli e Roma le differenze.

Quanto guadagna chi arriva secondo in serie A?  a questa domanda risponde  Calcio&finanza: Centrare la fase a gironi, infatti, permette di incassare almeno 32 milioni di euro (considerando il bonus qualificazione e la prima parte di market pool), sempre che la terza classificata in campionato riesca a superare il preliminare.

In caso di eliminazione della terza nel playoff, infatti, la cifra che incassa chi arriva secondo in campionato si alza a 35 milioni di euro.

A questa cifra base (35,2 milioni in caso di 2 sole squadre italiane alla fase a gironi – 31,95 milioni nel caso la terza italiana passi i preliminari) si andranno poi a sommare i premi di rendimento per vittorie e pareggi, i bonus incassati in caso di superamento dei vari turni e la seconda parte del maket-pool, calcolata in base alle gare disputate in Champions dalle squadre italiane.

E chi arriva terza? Beh, ha comunque i mezzi per poter incassare una discreta cifra. In caso di superamento del preliminare, infatti, sarebbe già sicura di incassare circa 23 milioni di euro: cifra che cala a 13,8 milioni in caso di eliminazione.

Napoli più © riproduzione riservata

Fonte statistica: Opta dati, Goalpiù, Calcio&finanza

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.