TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO NAPOLI

Procuratore federale Antimafia ” Inutile parlare è indagata la Juve e non il Napoli”

Il procuratore federale antimafia della commissione sport e mafia, accusato di investigare  sulla Juve perché Napoletano risponde ai microfoni di canale 8.

Di: Francesco Pollasto

Marco Di Lello presidente della commissione sport e mafia è stato accusato dai legali della Juventus di indagare sulla Juventus perché Napoletano.

Di Lello ha voluto parlare ai microfoni di canale 8 durante il programma Linea calcio. Ecco quanto evidenziato :

” Sono stato accusato di napoletanità come se fosse un demerito, per me è solo orgoglio, sono orgoglioso di essere napoletano e ne vado fiero”

” non è colpa mia se la procura di Torino ha aperto un inchiesta sulla Juventus per infiltrazione mafiosa e non sul Napoli”

” noi ci occupiamo di Mafia e di infiltrazioni mafiose, e pare ci sia un patto tra la juventus e la sua tifoseria, cosa inaccettabile, se la mia indagine da fastidio a qualcuno, problemi suoi, io vado avanti per la mia strada e non mi faccio certo intimidire”

” ogni giorno emergono nuove rivelazioni sul patto juve-tifosi e le nostre  accuse diventano sempre più fondate.

Presto dovremo sentire anche Tavecchio e i presidenti di lega di serie A e serie B, sicuramente chiameremo anche i presidenti di lega pro a deporre.

Bisogna estirpare i soggetti negativi dalle curve ed eliminare totalmente  il bagarinaggio, perché dall’inchiesta della procura di Torino emerge un quadro sconcertante, con i proventi del bagarinaggio sui biglietti della Juve  si finanzia il mercato della Droga  e si danno sussidi alle famiglie dei carcerati”

Archivi

Bernvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.