TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO NAPOLI

Petagna: “Orgoglioso e determinato, forza Napoli”. Ma il futuro dell’attaccante è in bilico, decide Gattuso

Napoli Andrea Petagna

Andrea Petagna, attaccante del Napoli su Instagram ha commentato il suo primo giorno in maglia azzurra. Il futuro della punta resta in bilico.

Andrea Petagna si è aggregato al Napoli nel centro tecnico di Castel Volturno. L’attaccante ex Spal, dopo aver superato la paura a causa della positività al COVID-19, oggi ha conosciuto i nuovi compagni ed ha svolto il suo primo allenamento agli ordini di Gennaro Gattuso.

Petagna su Instagram ha commentato il suo primo giorno con la maglia del Napoli. Ecco il messaggio di Petagna: “Ho atteso tanto questo momento. Non potrei essere più orgoglioso, concentrato e determinato per questa nuova avventura. Forza Napoli!“.
Un messaggio, quello di Petagna, pieno di aspettative e di buoni propositi, ma l’attaccante non è certo di restare in magli azzurra.

L’obiettivo di Andrea Petagna è quello di dimostrarsi all’altezza del Napoli. Dalle sue parole è sempre emersa la voglia di restare in azzurro giocandosi le sue carte. In questi giorni cercherà di convincere Gattuso a tutti i costi. In rosa non c’è un attaccante con le sue caratteristiche, con Milik che non è un ariete capace di giocare di fisico spalle alla porta e Osimhen è sì alto, ma parliamo di un velocista capace di essere devastante in campo aperto. Infine Llorente, fuori dai progetti azzurri. Gattuso quindi lo studierà, capirà cosa potrà dare in più a questo Napoli, considerando soprattutto la partenza di Milik oramai ad un passo.

Dopo che Gattuso avrà fatto tutte le valutazioni del caso verrà presa una decisione sul futuro di Petagna. Non è esclusa una cessione in prestito, alcune pretendenti che stanno sondando il terreno per rinforzare il proprio organico. Tra queste ci sono Parma e Torino, ma anche la Fiorentina che è alla ricerca di un nuovo centravanti, così come il Genoa.
Il Napoli girerebbe Petagna altrove solo per farlo giocare, altrimenti meglio tenerlo come riserva di Osimhen e Mertens in azzurro. Prima di procedere, però, oltre alla cessione di Milik va definita anche quella di Fernando Llorente, altrimenti il parco attaccanti risulterebbe veramente troppo ampio.

Archivi