Varie-Calcio

Paratici contro Chiffi: dirigente imbestialito, ecco lo stile Juventus

A fine primo tempo Fabio Paratici della Juventus è sceso dalla tribuna per accerchiare e inveire contro l'arbitro Chiffi

Fabio Paratici che scende dalla tribuna per inveire contro l’arbitro Daniele Chiffi (la Juventus perdeva 1-0 con l’Udinese ndr) ci dà il senso del tanto sbandierato stile Juventus. Lo avevano sfoggiato anche a Napoli i dirigenti juventini, quando inveivano a squarciagola contro l’arbitro, ma quella volta Nedved e Paratici decisero di non scendere in campo. Questa volta in gioco c’era di più, ovvero la mancata qualificazione alla Champions League. E allora bisogna fare il tutto per tutto.

E allora eccolo lo stile Juventus che palesa di nuovo attraverso uno dei suoi massimi dirigenti. Fabio Paratici dalla tribuna, affronta l’arbitro, urla, sbraita e si lamenta, tutto normale siamo in Italia. Un episodio che farebbe scalpore e provocherebbe titoli a nove colonne dappertutto, ma nel Belpaese questo non accade. E allora ci pensa Pierpaolo Marino, ds dell’Udinese e dirigente navigato a chiamare le cose con il loro nome spiegando che i dirigenti della Juventus hanno provato a condizionare l’arbitro. Esatto sono queste le parole pronunciate da Marino.

Ma non finisce qui, perché alla fine la Juventus la vince la partita, ma con un rigore che sarebbe stata invece una punizione per l’Udinese. E così sull’intervento di Paratici contro Chiffi si scatena al web (che almeno per ora mantiene la libertà di espressione). La foto di Paratici, che fortunatamente è stato immortalato e ripreso, fa il giro della rete in poco tempo. Anche Paolo Ziliani commenta incredulo: “Cara Figc e cara Aia potete spiegarci perchè il dirigente della Juventus Paratici scende dalla tribuna per protestare e condizionare gli arbitri come se la Serie A fosse la Superlega, quindi sua? Forse lo è davvero? Se sì, comunicatelo”.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.