Napoli, rinforzi a centrocampo. Piace un altro calciatore del Verona

napoli rinforzi a centrocampo
Ultimo aggiornamento:

Il Napoli cerca rinforzi a centrocampo, lo ribadisce il Corriere dello Sport nell’edizione odierna in edicola. Nel calciomercato pronti due colpi.

 

“Un play, serve un play”. Una frase che viene ripetuta come un mantra da quando si è scelto Gennaro Gattuso per guidare il Napoli ed esonerare Carlo Ancelotti. L’ex tecnico non voleva un regista, mentre il nuovo allenatore ha necessità di averlo. Allan in quella posizione fa fatica, troppo spesso si nasconde e non ha i tempi giusti quando si deve far trovare, nonostante abbia comunque delle buone imbeccate per i compagni. Serve qualcosa in più, un play di mestiere insomma.

 

Così il Napoli cerca rinforzi a centrocampo, lo scrive anche Corriere dello Sporti che sottolinea come l’obiettivo principale sia Lucas Torreira dell’Arsenal, 24 anni a febbraio. Nell’elenco però c’è anche Berge del Genk e Lobotka del Celta Vigo. Soumaré sarebbe il vero colpo che piace a Giuntoli, ma la bottega del Lille è carissima e con meno di 40 milioni di euro non si muoverà dalla Francia, anche perché l’intenzione del club è quella di tenerlo fino a fine stagione: quindi per strapparglielo servirà un’offerta veramente importante. In mediana, però, ci sono anche altre idee quelle rivolte al futuro. Amrabat è un affare quasi fatto, ma per giugno. Il centrocampista del Verona non è l’unico pezzo pregiato degli scaligeri su cui ha messo gli occhi la società del presidente Aurelio De Laurentiis. Anche Kumbulla difensore di 20 anni piace molto, tanto che il direttore sportivo azzurro ha già cominciato a prendere informazioni su di lui. Anche in questo caso si tratta di una trattativa in prospettiva, per giugno quando si definirà al meglio la guida tecnica ed il progetto azzurro. Ora, però, serve intervenire sul mercato di gennaio e capire se alcuni calciatori come Ghoulam, Callejon e Mertens, per motivi diversi, possono dare ancora il loro apporto alla causa azzurra oppure è necessaria una mini rivoluzione.