Tutto Napoli

MAZZOLA: «Rafa, ascoltami non lasciare mai il Napoli, il mio ricordo piu' bello e' una sconfitta al San Paolo»

MAZZOLA PARLA AL MATTINO DI NAPOLI

Per questa Napoli-Inter vale più che mai la definizione che Italo Calvino ha coniato per i classici: “sono i libri che non hanno mai smesso di dire quello che hanno da dire.”

Vero Sandro Mazzola?

«Erano anni in cui dominavamo in Italia, in Europa e nel mondo: ma il fascino della trasferta al San Paolo era unico.

Valeva una gara con la Juventus o una con la Roma. Che duelli con Totonno Juliano e che caffé che preparava Gaetano…».

Benietz non sappiamo se lascia il Napoli…
«A Napoli , Rafa ha trovato tutte le condizioni per poter affermare le sue idee e il suo calcio. Mi pare, che abbia avuto davvero carta bianca e che l’ambiente lo adori.

Solo per questo, perché non è facile che tutto questo accada, gli consiglierei di restare a Napoli a lungo».

È vero che il ricordo più bello del San Paolo è una sconfitta?
«Esatto. Era ottobre del ’70 e il Napoli ci schiantò. Sul volo del ritorno io e Facchetti preparammo la tabella della rimonta e la facemmo vedere a Fraizzoli che la prese malissimo: ”siete dei bambini”, disse.

Noi alla fine dell’anno vincemmo lo scudetto.Quella figuraccia contro Altafini, Zoff,Sormani fu un vero choc per noi. Chissà come sarebbe andata a finire senza quel ko».

Chi è la sua favorita per la zona Champions?

«Credo che il Napoli abbia qualcosa in più anche della Roma. Il punto è la continuità: diciamo che in questi due mesi si gioca una specie di mini-torneo in cui non bisogna perdere di vista neppure Lazio e Fiorentina. Soprattutto i viola: che hanno una llenatore, Montella, che è davvero il mio preferito.

Però un appunto a tutti: troppi stranieri,ma che fine fanno i ragazzini italiani dei settori giovanili?»

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.